Ottimizzazione per i motori di ricerca (SEM, SEO)

Ottimizzazione per i motori di ricerca
Aggiornato il 8 Aprile 2022

8 Tecniche di ottimizzazione dei motori di ricerca

Il SEO riguarda intrinsecamente l’ottimizzazione dei motori di ricerca. Qualcosa che è cruciale per aumentare significativamente il traffico e la consapevolezza del marchio negli ambienti digitali.

In questo momento, migliaia di persone stanno cercando contenuti come i tuoi. Puoi aiutarli a trovarlo diventando un esperto SEO e posizionando il tuo sito o blog nei primi risultati di ricerca.

Secondo gli esperti, l’80% del traffico di un sito web inizia con una query di ricerca. Ecco perché l’ottimizzazione dei motori di ricerca è così vitale se vuoi lasciare il segno su Internet.

Apparire sulla prima pagina

Ogni giorno, le persone usano Google per eseguire più di 3,5 miliardi di ricerche. Nei mercati internazionali, il 78% delle persone usa Internet per cercare prodotti e servizi prima di comprare.

Una volta che il tuo sito web inizia ad apparire nelle prime pagine dei risultati di ricerca di Google, guadagnerà molta più visibilità. Questo è precisamente l’obiettivo dell’ottimizzazione dei motori di ricerca. Un miglior posizionamento equivale a più traffico, più conversioni e, in definitiva, più entrate.

Essere sulla prima pagina dei risultati di ricerca deve essere l’obiettivo della vostra intera strategia SEO. Ma più in alto è, meglio è. Lo sapevi che il 75% degli utenti non clicca nemmeno su tutti i link della prima pagina?

8 fattori che influenzano il SEO

Come già sapete, ci sono più di 200 fattori di posizionamento che fanno apparire la nostra pagina in una posizione o in un’altra nelle pagine dei risultati di Google. Questi fattori sono in continuo cambiamento e si dividono in due tipi principali: fattori interni (on-site) e fattori esterni (off-site).

1. Ottimizzazione on-page

I fattori on-page sono quelli che potete controllare direttamente. Per esempio, la qualità del contenuto, l’architettura web e il codice HTML sono i fattori più rilevanti di un sito web.

  • Contenuto: per ottimizzare per i motori di ricerca, il contenuto offerto dal tuo sito deve essere originale, avere un minimo di 400 parole e avere la presenza di una parola chiave o parola chiave principale in tutto il testo.
  • Struttura: è la composizione dell’URL che dà corpo al tuo sito. Quando si lavora sull’ottimizzazione dei motori di ricerca, si dovrebbe mirare a presentare agli spider o ai bot di Google una piattaforma che sia facile da digerire per loro. Devono essere in grado di scansionare a fondo i tuoi contenuti. Lo fanno dai codici HTML o dai tag HTML.

Questi tag rendono possibile l’ottimizzazione dei motori di ricerca. Includono il tag title, il titolo blu che Google incontra per primo, il tag “meta description” e i tag di intestazione.

La chiave per l’ottimizzazione dei motori di ricerca sono i dati strutturati. Questo fornisce ai motori di ricerca informazioni più dettagliate sul contenuto di un sito web.

Il protocollo più utilizzato per i dati strutturati è Schema.org. Sul loro sito web puoi trovare un catalogo completo dei dati strutturati, così come implementarli sul tuo sito web.

2. Ottimizzazione off-site

Questi sono quelli che non potete controllare direttamente. Tuttavia, quello che si sa è che sono quelli che segnalano ai motori di ricerca l’autorità che ha un sito web. Cioè, se è affidabile o no. Tra i fattori di ottimizzazione dei motori di ricerca ci sono il comportamento degli utenti, la qualità dei link esterni chiamati backlink e i segnali sociali.

3. Parole chiave

keyword
keyword

La selezione delle parole chiave è la base dell’ottimizzazione dei motori di ricerca. Grazie a loro puoi scoprire in prima persona il motivo per cui gli utenti hanno cliccato sul tuo sito web.

Ciò che i termini inseriti nel motore di ricerca riflettono è l’intento di ricerca dell’utente. Si tratta di ricerche che sono definite dall’obiettivo che l’utente ha quando le esegue. Sono divisi a loro volta in tre:

  • Informativo: sono alla ricerca di informazioni. Esempio: tecniche SEO, come ottimizzare il mio sito web per i motori di ricerca, ecc.
  • Transazionale: Lo scopo della ricerca è quello di completare una transazione, che può essere comprare qualcosa o scaricare un e-book.
  • Navigazione: la ricerca è finalizzata a trovare un sito web specifico.

È anche possibile rilevare le parole chiave che funzionano in base al volume delle ricerche. Questi possono essere:

  • Head: Sono molto ampi con un alto volume di ricerche e molta concorrenza. Esempio: gatti, case, SEO, ecc..
  • Middle Tail: Ricerche che sono più specifiche, ma sono ancora molto generali.
  • Coda lunga: È qui che si trovano le vere opportunità, dato che costituiscono il 70% del totale. Si tratta di ricerche molto specifiche, con poca concorrenza e che sono per lo più transazionali.

La prima cosa che devi fare quando generi una lista di parole chiave che sia in linea con il tuo sito web, è sapere cosa offri, a chi lo offri, dove lo offri e cosa ti differenzia. Queste domande possono servire da guida:

Dopo aver risposto a queste domande, vi imbatterete sicuramente in una parola che si ripete costantemente. Ecco la vostra prima parola chiave. Ma se vuoi generare risultati migliori, potresti esaminare il comportamento della tua parola chiave. Strumenti come Google Trends possono essere un salvavita in questo caso.

4. Generare link per l’ottimizzazione dei motori di ricerca

Come avrete sentito, l’autorità di un sito web dipende dal numero di pagine che si collegano ad esso e se hanno una buona reputazione. In altre parole, i motori di ricerca controllano sempre caratteristiche come l’autorità delle pagine che ti linkano e la posizione all’interno del contenuto di questi link.

Ecco perché gran parte del lavoro di ottimizzazione è diretto alla generazione di link con l’intenzione di migliorare l’autorità del dominio di un sito web. Questa strategia è conosciuta come link building. Le tecniche più comuni per aumentare il posizionamento su Google con la link building sono:

Attraverso il contenuto: se avete un contenuto di valore, sarete sicuramente linkati. Una variante, il link baiting, comporta la generazione di contenuti concreti con lo scopo di generare attenzione e link.
Attraverso il bookmarking sociale: si tratta di pagine che sono dedicate a cercare di curare i contenuti del web, sia attraverso il voto degli utenti, la popolarità nelle reti sociali o altri fattori.

5. Strumenti di ottimizzazione dei motori di ricerca

ottimizzazione dei motori di ricerca
ottimizzazione dei motori di ricerca

Gli esperti dicono sempre: il SEO consiste al 90% nel definire chiaramente il tuo obiettivo e il tuo pubblico di riferimento. Il restante 10% è gestito dagli strumenti di ottimizzazione dei motori di ricerca. Se vuoi dei dati, questi sono gli elementi essenziali:

  • Google: questo è lo strumento più basilare per il SEO. Dal familiarizzare con i cambiamenti dell’algoritmo, all’ottenere idee per le keywords o analizzare la concorrenza.
  • Google Webmaster Tools: essenziale per dire a Google come interpretare il tuo sito web. Questa piattaforma ti informa degli errori sul tuo sito web, delle penalità e anche dei link rilevati da Google.
  • Google Analytics: Sapere cosa fanno i tuoi utenti sul tuo sito web e come ci arrivano è fondamentale in ogni modo.
  • Excel: uno strumento chiave per l’analisi dei dati, link building, concorrenza, rapporti… Lo strumento più utile per il SEO dopo Google.
  • Keyword Planner di Google: in AdWords, vai a “Strumenti e analisi” e poi “Keyword Planner“. Non è paragonabile ai precedenti strumenti di Google, ma è molto utile per trovare suggerimenti di keywords.
  • Ubersuggest: Ubersuggest ti dà suggerimenti per un termine con cui iniziare, basato sul completamento automatico di Google. È utile perché ti dà combinazioni molto diverse a cui potresti non aver pensato.
  • Wordle: Utile per avere un’idea della mappa dei termini di un sito web, sia per un’approssimazione visiva della sua densità di parole chiave che per il reporting e il brainstorming.

6. Analisi dei concorrenti

Ci sono milioni di richieste come la tua su Internet. Nel SEO è essenziale essere consapevoli del comportamento dei concorrenti. Scoprire nuovi concorrenti dovrebbe essere un processo costante. Effettua un analisi seo della concorrenza per sapere come si muovono su internet.

Quando li individuate, controllate il contenuto che generano, il formato e come funzionano.

7. Rankbrain

Gli specialisti lo definiscono come il terzo elemento più importante classificato e indicizzato dai motori di ricerca. Si occupa di capire il contesto di certe ricerche attraverso l’intelligenza artificiale.

8. Pensare sempre a reagire

Anche se ci sono alcune dissertazioni che non hanno ancora definito l’importanza dell’esperienza di navigazione su smartphone, è un fatto che la maggior parte delle ricerche oggi sono condotte su dispositivi mobili.

Pertanto, non è irragionevole pensare di ottimizzare per i motori di ricerca creando contenuti che migliorano l’esperienza dell’utente. Un buon design reattivo assicurerà che gli utenti possano consumare i tuoi contenuti da qualsiasi dispositivo.

In MISTERSITO ti aiutiamo a migliorare il posizionamento organico del tuo sito web con strategie SEO efficaci con azioni off-page e pubblicazione di link di qualità in media rilevanti. Ci sentiamo dopo?

ANALISI SEO GRATUITA

Inserisci la Url del tuo sito ed effettua un analisi seo gratuita!

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Lascia un commento

Carlo Alberto Bello

Consulente SEO dal 2012. Aiuto aziende e professionisti a promuovere i loro prodotti e servizi su Google, Bing e altri motori di ricerca, utilizzando le migliori strategie della Link Building.