Google search console cos’è e come utilizzarlo al meglio

Google search console
Aggiornato il 13 Maggio 2022

Conoscete Google Search Console? Scoprite il rebranding di Google Webmaster Tools e imparate a usarlo con la nostra guida definitiva!

È quasi impossibile che non abbiate mai utilizzato uno strumento di Google nella gestione quotidiana della vostra attività. Le risorse che offre, sia a pagamento che gratuite, aiutano dalla creazione di un blog gratuito alla gestione di un team, ci sono ottimi strumenti che contribuiscono al Digital Marketing.

In mezzo a questo oceano di opzioni c’è Google Search Console. Da oltre dieci anni, questo strumento è il braccio destro dei professionisti del marketing che cercano maggiori informazioni su accesso, ricerca e SEO.

In questo articolo, capirete tutto su questo strumento e come utilizzarlo per ottenere risultati migliori nella vostra strategia di marketing digitale.

Cos’è Google Search Console

Google Search Console è la piattaforma del gigante della ricerca progettata per aiutare i gestori di siti web a monitorare la visibilità delle loro pagine sul motore di ricerca.

In altre parole, è lo strumento di Google che vi aiuta a garantire che il vostro sito sia trovato e indicizzato correttamente e che appaia nelle ricerche dei vostri potenziali clienti.

In precedenza, Search Console si chiamava Strumenti per i Webmaster. Il cambiamento è avvenuto per dare l’impressione che lo strumento abbia una portata più ampia per gli utenti e non solo per i professionisti tecnici.

Come funziona Google Search Console

Per capire davvero come funziona Google Search Console, è necessario approfondire lo strumento. Dopo tutto, Search Console è come una cassetta degli attrezzi bella e completa, piena di opzioni e funzioni.

In breve, Search Console dispone di strumenti e rapporti che vi aiutano a trovare i problemi sul vostro sito web e a risolverli rapidamente in modo che le persone giuste possano trovarlo.

In pratica, questi miglioramenti possono includere

  • maggiore velocità di caricamento delle pagine;
  • comprendere appieno l’origine del vostro traffico;
  • identificazione e correzione rapida dei difetti nel codice HTML;
  • miglioramento significativo della strategia di backlink;
  • incrementare il linking interno;
  • importanti modifiche SEO per migliorare il posizionamento delle pagine.

Ora che avete capito la versione breve, passiamo al contenuto più denso, iniziando dall’installazione e dalla configurazione.

Come installarlo e configurarlo

Se fate una ricerca, troverete molti manuali che mostrano i vari modi per installare Google Search Console. Saremo più pratici e vi mostreremo un solo modo: quello più semplice.

1) Accedere con il proprio account Gmail. Se non ne avete ancora uno, potete crearlo rapidamente.

2) Aprire il menu e selezionare +Aggiungi proprietà.

3) Scegliete tra Dominio e Prefisso URL e inserite l’indirizzo del vostro sito web nell’opzione desiderata seguendo le istruzioni dell’installazione (nel caso in cui non sappiate quale scegliere, cliccate su Ulteriori informazioni per chiarire i vostri dubbi).

Aggiungere propietà a Google Search Console
Aggiungere propietà a Google Search Console

4) Seguire le istruzioni di conferma della proprietà. Se nella fase precedente si è scelta l’opzione Dominio, è necessario modificare il DNS del sito web. Se si è optato per il Prefisso URL, si consiglia di selezionare l’opzione Tag HTML per una verifica più semplice e veloce.

5) Dopo aver eseguito la procedura sopra descritta sul vostro sito web, tornate a Search Console e fate clic sul pulsante Verifica.

6) Ecco fatto! La vostra proprietà è stata confermata e tutto funziona.

Quali sono le basi di Google Search Console?
Google Search Console è un insieme di strumenti di base che informano l’utente:

  • Se ci sono problemi con l’indicizzazione delle pagine da parte di Google.
  • Se il sito web è stato violato o contiene malware.
  • Se è necessario migliorare i tag.
  • Com’è il traffico, in generale.

Tenendo conto di ciò, possiamo comprendere alcuni principi di base sull’uso di questo importante strumento, che vanno al di là di qualsiasi modifica del design o della funzionalità.

In definitiva, Search Console, come tutti i prodotti Google, non è mai immune da rinnovamenti, il che è una buona notizia per tutti noi. Di seguito sono riportate alcune informazioni di base sullo strumento.

Siate regolari per chiarezza

È molto importante sapere esattamente come il vostro sito web viene indicizzato e carrellato da Google, oltre a vedere altre informazioni rilevanti sulle prestazioni delle pagine.

Questo strumento fornisce chiarezza ai vostri sforzi SEO e vi permette di capire se la vostra strategia è sulla buona strada, con una reale possibilità di funzionare o meno.

Accompagnare le informazioni disponibili in Search Console è essenziale per avere questa chiarezza e sfruttarla per ottenere risultati migliori.

Non rimandare l’azione

I rapporti di Google Search Console sono molto utili e mostrano, in modo pratico, quali sono i problemi del vostro sito e le modifiche da apportare.

Ma a cosa serve avere tutte queste informazioni su ciò che non va se non si agisce rapidamente per correggere i difetti?

Può sembrare troppo ovvio, ma la prima cosa da fare dopo aver trovato i dati rilevanti sulla piattaforma è lavorare su di essi. Per risolvere un problema o per replicare ciò che funziona in altri progetti.

Non attenersi troppo agli strumenti attuali

Abbiamo già accennato a questo argomento, ma vale la pena di parlarne ancora un po’: non conviene attaccarsi troppo a strumenti specifici, perché dopo un po’ di tempo potrebbero essere dismessi.

La cosa più importante è sempre capire come funziona la piattaforma nella sua essenza e farne buon uso. Search Console serve a misurare e bilanciare lo stato di salute del vostro sito web di fronte a Google.

Più voi e il vostro team agite secondo le indicazioni della piattaforma, più è probabile che abbiate una buona SEO e, di conseguenza, risultati commerciali.

Cosa sono gli strumenti di Google Search Console?

Esistono numerosi strumenti e report di Search Console che aiutano a curare l’integrità e l’ottimizzazione del sito web per ottenere più visite, coinvolgimento e conversioni.

Questi strumenti e report possono essere suddivisi in due gruppi: attuali e legacy. Qui di seguito, vediamo quali sono queste risorse e come sono organizzate.

Attuale

Si tratta di strumenti e rapporti aggiornati in base all’ultima versione di Google Search Console. Questi includono:

  • Pagina di riepilogo: visualizza un riepilogo delle condizioni del sito web in Search Console, soprattutto per quanto riguarda le prestazioni, la copertura e i problemi di sicurezza.
  • Rapporto sulle prestazioni: consente di vedere quante persone hanno cliccato sul vostro sito web durante una ricerca su Google, per quali query il vostro sito web è apparso e qual è la posizione media del vostro sito web.
  • Strumento di ispezione degli URL: Tutto ciò che dovete fare è digitare un URL attivo del vostro sito web e vedere le informazioni dettagliate che Search Console vi fornisce.
  • Rapporto di copertura: mostra quali pagine del vostro sito web sono o possono essere indicizzate e le ragioni di ogni risultato.
  • Rapporto sulle sitemap: mostra quali sitemap sono state inviate, le statistiche e gli eventuali errori su ciascuna di esse.
  • Rapporto sull’usabilità mobile: questo rapporto mostra una valutazione dell’usabilità di ogni pagina indicizzata sui dispositivi mobili.
  • Rapporto AMP: presenta quali pagine AMP (Accelerated Mobile Pages) del vostro sito web possono o non possono essere indicizzate.
  • Rapporto sullo stato delle ricerche avanzate: rivela quali ricerche avanzate Google può o non può effettuare il crawling. Questo rapporto viene visualizzato solo se Google identifica determinati tipi di contenuti sul vostro sito web.
  • Rapporto sulle azioni manuali: qui è possibile vedere tutte le azioni manuali sul proprio sito web.
  • Rapporto sui problemi di sicurezza: mostra le possibili falle che minacciano la sicurezza del vostro sito web e come risolverle.
  • Relazione sul link: Attraverso questo strumento è possibile scoprire quali siti web vi linkano, con quali testi e persino verificare l’andamento dei vostri link interni.
  • Strumento di test AMP: consente di verificare la validità di una pagina AMP.
  • Mobile-Friendly Test Tool: questa risorsa valuta se una pagina è mobile-friendly.
  • Cambio di indirizzo: se si migra il proprio sito web su un altro dominio, è necessario utilizzare questo strumento per comunicarlo a Google.

Legacies

Gli strumenti e i report legacy sono quelli su cui il team di Search Console sta ancora lavorando per trovare il modo di creare una sostituzione definitiva. Vediamo quali sono:

  • Strumento di rimozione degli URL: Utilizzato per rimuovere temporaneamente un URL dai risultati di ricerca. Per ottenere un effetto permanente è necessario utilizzare altre risorse.
  • Statistiche di crawl: utilizzate per monitorare la frequenza con cui Google effettua il crawling del vostro sito web. Se è elevato, è possibile richiedere una riduzione del crawling.
  • Test robots.txt: verificare la sintassi del file robots.txs e confermare l’assenza di problemi.
  • Strumento per i parametri URL: Questa risorsa consente di segnalare a Google un parametro nell’URL che modifica il contenuto del sito web. Ad esempio, il parametro Paese cambia la lingua.
  • Segmentazione internazionale: attraverso un tag specifico (hreflang) è possibile garantire un crawling corretto da parte di Google per ogni lingua o paese in cui è disponibile.
  • Associazione a Google Analytics: strumento utilizzato per importare i dati di analisi da Search Console a Google Analytics.
  • Strumento marcatore di dati: I siti web che hanno molte pagine con dati modello (come orari di eventi e percorsi degli autobus), ma che non possono utilizzare dati strutturati, dovrebbero utilizzare questo strumento per aiutare Google a estrarre le informazioni.
  • Rapporto sui messaggi: qui si trovano i messaggi inviati alle vostre proprietà (i vostri siti web).
    Impostazioni della velocità di crawl: dove è possibile ridurre la velocità di crawl del proprio sito web da parte di Google, nel caso in cui sia sovraccarico.
  • Preferenze di posta elettronica: In cui si sceglie se si desidera ricevere da Search Console e-mail informative o di avviso relative alle proprietà.
  • Strumenti web: vari strumenti che possono essere utili per il vostro sito web.

Quali sono le metriche da monitorare mensilmente in Search Console?
La scheda delle prestazioni di Search Console mostra 4 metriche che sono abbastanza rilevanti e che dovrebbero essere considerate su base mensile.

Anche se li tracciate in Google Analytics, potete analizzare la Search Console per scoprire come sta andando la vostra strategia organica. Dopo tutto, lo strumento non analizza i clic e le impressioni di Google Ads.

Le metriche sono:

  • Impressioni: numero di volte in cui un URL del vostro sito web è apparso nei risultati di ricerca di Google. Serve a vedere quanto i vostri contenuti vengono considerati nella selezione di Google per le ricerche degli utenti.
  • Clic: numero di clic che gli URL del vostro sito hanno ricevuto quando sono apparsi nei risultati di ricerca di Google. Può rivelare quanto le persone siano interessate ai titoli dei contenuti che pubblicate.
  • CTR: Click Through Rate è una relazione tra le due metriche precedenti. Consente di conoscere la percentuale di impressioni generate da un clic.
  • Posizione: Si tratta del posizionamento medio degli URL del vostro sito web nei risultati di ricerca. Se un URL appare come 3° risultato e un altro come 7°, la vostra posizione media sarà 5°, (3+7)/2.

Ma, in fin dei conti, perché scegliere queste metriche di base? Proprio perché forniscono informazioni importanti sulla vostra strategia digitale nel suo complesso.

Poche impressioni possono significare che Google non considera il vostro sito rilevante e/o affidabile. Pochi clic mostrano che i titoli e le meta descrizioni devono essere migliorati. E quanto più alto è il vostro ranking medio, tanto più Google attribuisce maggiore qualità ai vostri contenuti.

Inoltre, queste metriche mostrano come Google Search Console sia uno strumento relativamente facile da usare, anche per gli utenti meno esperti, sebbene contenga anche risorse più avanzate.

Uno dei suoi maggiori meriti è quello di rilevare automaticamente i problemi. Anche se non riuscite a risolverli, la diagnosi è già stata fatta e vi permette di generare un foglio di calcolo gratuito da consegnare a un webmaster che possa risolvere il problema per voi.

Come ottimizzare la SEO tecnica con Google Search Console

Google Search Console accoglie i nuovi utenti, ma è molto utile anche per chi ha una buona padronanza della SEO tecnica. Potrebbero anche essere quelli che traggono i maggiori benefici dallo strumento.

Ma la domanda è: come si usa Search Console per ottimizzare la SEO tecnica e ottenere un posizionamento di ricerca più elevato?

Ironia della sorte, il primo modo per farlo è eseguire le basi con qualità e attenzione. Google stessa raccomanda agli utenti avanzati di leggere e applicare le informazioni contenute nella guida per i principianti, in quanto contiene molte informazioni utili per sfruttare al meglio la piattaforma.

Inoltre, leggete attentamente le Linee guida per i Webmaster di Search Console. Vi si trovano molte indicazioni tecniche e strategiche, tra cui la giusta quantità di link per pagina, istruzioni su tag specifici e pratiche da seguire e da evitare.

Bonus: Strategie avanzate per la Search Console

Vogliamo anche darvi dei suggerimenti su come creare una strategia avanzata nello strumento. Non le descriveremo tutte, ma vi indicheremo la direzione giusta per aiutarvi a esplorare nuove opzioni per raggiungere e attirare le persone che state cercando.

Vale la pena di strutturare il proprio sito web seguendo queste pratiche per essere elencati nelle ricerche:

  • Sezioni evidenziate: una sezione del contenuto viene evidenziata nella pagina di ricerca, sopra il link. Questo stimola la curiosità del lettore e incoraggia a cliccare.
  • Ricerca raffinata: la ricerca raffinata ha effetti visivi, come immagini, stelle di valutazione o altri elementi grafici. Può apparire come singolo risultato o come parte di un carosello.
  • Discover: non fa parte della ricerca, ma può far apparire la vostra pagina nell’elenco di visualizzazione dei siti di Google per gli utenti di dispositivi Android.
  • Pannello informativo: un pannello con testo, link e immagini su un determinato argomento. Può visualizzare dati come date, nomi, loghi, siti web, ecc.

È utile esplorare Search Console e imparare gradualmente a utilizzare ogni strumento per migliorare le prestazioni del vostro sito web. Se volete imparare tutto sullo strumento in un materiale ancora più completo e facile da consultare in ogni momento, scaricate il nostro ebook su Google Search Console!

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Lascia un commento

Carlo Alberto Bello

Consulente SEO dal 2012. Aiuto aziende e professionisti a promuovere i loro prodotti e servizi su Google, Bing e altri motori di ricerca, utilizzando le migliori strategie della Link Building.