URL cosa sono?

URL cosa sono
Aggiornato il 10 Giugno 2022

Definizione

Un URL (Uniform Resource Locator) è un indirizzo impostato per individuare una risorsa univoca su Internet, come un file o un’app. È riconoscibile dagli utenti come la stringa di testo che viene mostrata nella barra degli indirizzi del browser di ogni pagina Web o che collega un utente a un’altra posizione Internet. Un URL è un tipo di URI (Uniform Resource Identifier).

Storia

Tutto è iniziato con la ricerca di un metodo che consentisse la condivisione delle informazioni sui computer. Tre eventi evidenziano la tabella di marcia verso l’introduzione degli URL:

  • Nel 1969, l’Advanced Research Projects Agency Network (ARPANET) inviò la prima trasmissione da nodo a nodo dall’UCLA allo Stanford Research Institute, utilizzando il protocollo ARPANET 1822. Composto dai livelli Fisico, Dati e Rete, nel 1970 è stato introdotto un livello Trasporto con l’introduzione del Network Control Protocol (NCP).
  • Nel 1983, ARPANET passò da NCP al Transmission Control Protocol/Internet Protocol (TCP/IP).
  • Nel 1989, Tim Berners-Lee ha creato il World Wide Web (WWW), introducendo il linguaggio di markup , identificatori di risorse e protocolli per il recupero delle risorse.

Quando Berners-Lee introdusse il WWW nel mondo, le trasmissioni di dati si stavano stabilizzando. All’inizio degli anni ’90, Internet era abbastanza avanzato da servire file, posta e dati, utilizzando protocolli come Gopher, FTP e Telnet.

I tempi erano quindi maturi, quindi, nel 1992, perché Berners-Lee definisse l’URL come uno strumento per collegare la posizione di qualsiasi risorsa Internet richiesta dall’utente. Sebbene la sua attenzione per gli URL fosse per il web e il suo protocollo HTTP, la sua visione incorporava la maggior parte dei protocolli Internet.

Componenti di un URL

I quattro componenti principali degli URL sono il protocollo, il dominio, il percorso e la query.

Diamo uno sguardo più da vicino ai diversi componenti dell’URL, utilizzando il seguente esempio:

https://www.example.com/category-A/subcategory-A1/model-123.html

URL come è composta

Protocollo

Il protocollo o lo schema di un URL indica il metodo che verrà utilizzato per trasmettere o scambiare dati. Lo schema più noto è l’Hypertext Transfer Protocol (HTTP) o l’ Hypertext Transfer Protocol Secure (HTTPS) per la trasmissione di file HTML. FTP (per i file) e Mailto (per i messaggi di posta) sono esempi di altri tipi di schemi.

Nell’URL di esempio sopra, https:// è il protocollo protetto dell’URL.

Dominio

Il dominio o il nome host di un URL è un’espressione intuitiva dell’indirizzo IP (Internet Protocol) di un sito web. Punta alla posizione del server host del sito web.

Nell’esempio sopra, il dominio è www.example.com .

Il percorso

Il percorso che segue il nome di dominio all’interno di un URL punta a un file specifico o a un’altra posizione di risorsa. Può anche includere una stringa di query.

Nel nostro URL di esempio, /category-A/subcategory-A1/model-123.html mostra il percorso dell’URL, che in questo esempio termina con una pagina di prodotto.

domanda

La stringa di query, nota anche come identificatore di frammento, viene spesso utilizzata per ricerche interne ed è generalmente preceduta da un punto interrogativo (?).

Per esempio:

https://www.example.com/category-A/subcategory-A1 ?searchTerm=Model+123

Questo URL è il risultato di un utente che inserisce il termine di ricerca “Modello 123” nella pagina della sottocategoria A1. La pagina di destinazione in questo esempio è la pagina del prodotto del modello 123 o un elenco di risultati di ricerca che contengono il termine “Modello 123”.

Caratteri consentiti negli URL

I caratteri consentiti negli URL sono specificati dal World Wide Web Consortium. Le specifiche includono elenchi di caratteri non riservati e riservati.

  • Caratteri non riservati : non sono riservati e possono essere utilizzati liberamente negli URI e negli URL. Includono tutte le lettere maiuscole e minuscole, tutti i numeri decimali, trattini e trattini bassi, tilde e punti.
  • Caratteri riservati: servono a scopi speciali all’interno di un URI/URL. Loro includono / ; : ? @ & , + $ =.

I caratteri riservati vengono utilizzati per delimitare o per altri scopi speciali all’interno di un URL e non possono essere utilizzati in altro modo all’interno di un URL a meno che non siano codificati in URL. Ciò significa che per visualizzare un “?” come punto interrogativo o “+” come segno più all’interno di una stringa URL, questi caratteri richiederanno la codifica.

Esempi di utilizzo di caratteri riservati all’interno di un URL

Nel nostro URL di esempio:

https://www.example.com/category-A/subcategory-A1?searchTerm=Model+123
  • Barra: “/” viene utilizzato per delineare parti di un URL, ad esempio separando il percorso del file dal dominio.
  • Punto interrogativo: “?” viene utilizzato all’inizio di una query.
  • Segno di uguale: “=” viene utilizzato tra il nome di un parametro e il valore dato per quel nome.

Differenze tra URL e dominio

Sebbene un dominio possa essere un URL, come nel caso di una home page, la maggior parte degli URL contiene molte più informazioni oltre al nome di dominio. Gli URL contengono indirizzi di risorse, percorsi di file e query.

Il nome di dominio è un metodo intuitivo per elencare un indirizzo IP , che lo rende facile da ricordare.

Componenti di un dominio
Un dominio è suddiviso in tre diversi livelli gerarchici, che iniziano sul lato destro del componente di dominio di un URL.

  • Dominio di primo livello: estensione del nome di dominio, come .com, .net, .biz, .de.
  • Dominio di medio livello: il componente con la maggiore flessibilità. Può essere il nome di un’organizzazione o una frase. È anche conosciuto come dominio di secondo livello.
  • Prefisso: il prefisso WWW del dominio di medio livello. Non è necessario, ma inizialmente distingueva gli URL Web da altri schemi URL.

URL assoluti e relativi

Se un sito web contiene un numero di pagine che si diramano dalle sue pagine home o di categoria, i collegamenti ad altre pagine web possono utilizzare URL relativi se le risorse si trovano sullo stesso server della pagina di riferimento. Gli URL relativi sono meno ingombranti degli URL assoluti, ma il webmaster deve prestare molta attenzione a evitare collegamenti interrotti se le risorse vengono spostate frequentemente. Potrebbe essere meglio peccare per eccesso di cautela con l’uso coerente di URL assoluti.

Nella pagina web https://www.example.com/category-A/ , un collegamento punta a un prodotto in una sottocategoria:

<a href="subcategory-A1/model-123.html">Modello-123.html</a>.

Questo URL relativo indirizzerà l’utente alla pagina web che descrive il prodotto “Modello 123” se tutte le pagine del prodotto nella sottocategoria-A1 si trovano sullo stesso server della pagina di categoria A.

Esegui la scansione delle url del sito web, utilizzando il Tools gratuito SEO POWER di MISTERSITO.COM, per scoprire il punteggio seo del tuo sito web.

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Lascia un commento

Carlo Alberto Bello

Consulente SEO dal 2012. Aiuto aziende e professionisti a promuovere i loro prodotti e servizi su Google, Bing e altri motori di ricerca, utilizzando le migliori strategie della Link Building.