Link nofollow cosa sono ?

link nofollow
Aggiornato il 4 Aprile 2022

Il profilo dei link del sito web della tua azienda è uno degli elementi più importanti dell’ecologia dell’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO). È essenziale sapere come il tuo sito si collega all’interno delle sue numerose pagine e come si collega a e da siti esterni. Uno degli aspetti più importanti ma più spesso trascurati dei profili di collegamento dei siti Web è il loro collegamento nofollow.

Il tuo profilo link è incredibilmente prezioso. Un solido profilo di collegamento può aumentare la percentuale di visualizzazioni di pagina per visitatore , aumentare il posizionamento nei motori di ricerca e, in definitiva, coltivare più autorità di dominio per il tuo sito web. I collegamenti Nofollow svolgono un ruolo essenziale nella creazione di un profilo di collegamento forte per il sito Web della tua azienda.

Con l’avvicinarsi del 2022, è un’ottima idea riconsiderare le attuali impostazioni del collegamento nofollow per il tuo sito web. Le classifiche dei motori di ricerca sono più difficili da migliorare grazie ai numerosi aggiornamenti dell’algoritmo di ricerca di Google negli ultimi anni ed è fondamentale per te sapere in che modo il sito web del tuo marchio potrebbe trarre vantaggio dall’avere collegamenti nofollow nella giusta configurazione.

Link nofollow

Che cos’è il link Nofollow?

Il collegamento Nofollow (rel=”nofollow”) è un tag di collegamento HTML che indica ai bot dei motori di ricerca di ignorare il particolare collegamento. I link Nofollow non superano il PageRank. Inoltre, non aiuta né danneggia il posizionamento nei motori di ricerca. I motori di ricerca come Google e Bing compilano il profilo dei collegamenti del tuo sito in base ai collegamenti inclusi nel tuo sito e ai collegamenti su siti esterni che rimandano al tuo sito.

L’utente medio può ancora fare clic su un collegamento nofollow per seguirlo e consumare il contenuto della pagina di destinazione proprio come farebbe con qualsiasi altra pagina. Tuttavia, i link nofollow non contano affatto per la cronologia dei backlink di un sito, aiutando il proprietario del sito a evitare eventuali penalità di ranking associate che altrimenti accumulerebbero.

Alcuni potrebbero chiedersi perché esistono collegamenti nofollow. Qual è il punto di avere un link sul tuo sito web se non fa nulla per il tuo posizionamento nei motori di ricerca? In definitiva, il tag nofollow esiste per combattere lo spam nei commenti dei blog, un problema che è rimasto su innumerevoli siti per anni fino alla creazione del tag nofollow. Prima dei collegamenti nofollow, lo spam dei commenti sui blog potrebbe avere un impatto drammatico sui risultati dei motori di ricerca, siti con un impatto negativo che altrimenti avrebbero un posizionamento più favorevole.

Struttura del link Nofollow

Esempio di pagina web completa Nofollow:

<a href=”https://www.tuosito.it/” rel=”nofollow”>Nome sito</a>

 

Esempio di collegamento nofollow singolo:

<p><a href=””https://www.tuosito.com/blog/”” rel=””nofollow””>

Come controllare il link nofollow?

1. Fare clic con il pulsante destro del mouse su qualsiasi pagina Web e fare clic su “Ispeziona” o “Visualizza origine pagina”.

Ispeziona

 

2. Cerca nella sorgente HTML della pagina web:

3. Se vedi un attributo rel=”nofollow” allora quel link è un link nofollow. Altrimenti, il link è dofollow.

Il link Nofollow assomiglia a:

<a rel=”nofollow” href=”http://www.tuosito.com/”>Questo è un link</a>

Esempio di link Senza Dofollow:

Il link Dofollow sembra solo un collegamento normale.

<a href=”http://tuosito.com/blog/come-ottimizzare-un-sito-web/”>

Esempio di link Con Dofollow:

<a rel=”dofollow” href=”http://tuosito.com/blog/come-ottimizzare-un-sito-web/”>

Come utilizzare i collegamenti NoFollow

I link Nofollow sono incredibilmente facili da usare. Mentre controlli il profilo di collegamento del tuo sito web, dai un’occhiata da vicino a ogni collegamento incluso nel tuo profilo. Se noti qualcosa che ritieni possa danneggiare il punteggio del tuo profilo di collegamento, contrassegnali semplicemente come collegamenti nofollow. Questo è un processo relativamente semplice e le recenti modifiche di Google hanno reso i link nofollow ancora più importanti. Sarà molto importante per i proprietari dei siti taggare i loro link in modo appropriato nel 2022 e i bot di ricerca di Google non prenderanno più in considerazione i link non seguiti, i link sponsorizzati e i link ai contenuti generati dagli utenti (UGC) sotto lo stesso ombrello.

Quando dovrei usare i collegamenti NoFollow?

Oggi, i commenti del blog sono il luogo principale in cui i progettisti di siti e i team SEO utilizzano i collegamenti nofollow. Ad esempio, se possiedi un sito web con una sezione blog che consente ai lettori di lasciare commenti e notare un mucchio di link spam ad altri siti web, taggali semplicemente come link nofollow in modo che non danneggino il tuo SEO. Lo spammer non riceve alcun credito dal punto di vista SEO e tu puoi proteggere il tuo profilo di collegamento dallo spam. È anche facile utilizzare i tag nofollow nelle sezioni del forum per evitare che vengano sovraccaricati di commenti spam.

I link Nofollow hanno anche un altro scopo funzionale: definire link a pagamento in modo che non influiscano negativamente sulla SEO. Se paghi per un link al tuo sito web da un altro sito web, non puoi contare quel link come traffico organico. Dovresti contrassegnare il collegamento come un collegamento nofollow, altrimenti sembra che tu stia pagando per gonfiare artificialmente il tuo profilo di collegamento organico. Google ha recentemente annunciato modifiche a questo sistema che tutti i proprietari di siti dovrebbero conoscere a partire dal 2022 .

Vantaggi dei link Nofollow

Nel 2005, Google ha lanciato il tag nofollow in risposta al travolgente spam di commenti sui blog su Internet. I proprietari dei siti si sono resi conto che l’inclusione di collegamenti ai loro siti nelle sezioni dei commenti di blog e altri siti Web ha potenziato il loro SEO, quindi molte aziende senza scrupoli hanno iniziato a inviare spam alle sezioni dei commenti con collegamenti ai propri siti Web per gonfiare artificialmente le classifiche dei motori di ricerca. Il tag nofollow esiste per impedirlo.

I link Nofollow impediscono ai commenti spam e ai link indesiderati di impantanare il successo SEO del tuo sito. La SEO è una parte innegabilmente importante del moderno marketing digitale; se il tuo marchio non appare nei risultati di ricerca principali per i termini di ricerca relativi al tuo settore, prodotti, servizi e contenuti, allora sei dietro la curva. I link indesiderati possono ridurre rapidamente e facilmente i tuoi risultati SEO e far scorrere i tuoi contenuti sempre più in basso nelle classifiche.

I link Nofollow rafforzano intrinsecamente la tua autorità di dominio, migliorano la consapevolezza del marchio e indirizzano il traffico al tuo sito web. Aiutano anche a normalizzare il tuo profilo di collegamento, quindi non devi preoccuparti di spam o collegamenti sospetti che danneggiano il posizionamento nei motori di ricerca. In definitiva, un uso saggio dei link nofollow è una delle cose migliori che puoi fare per migliorare organicamente la SEO del tuo sito.

Il futuro dei collegamenti NoFollow dopo i recenti aggiornamenti di Google

Regole

Sebbene l’utilizzo dei collegamenti nofollow sia stato relativamente semplice da quando Google ha lanciato l’aggiornamento, il gigante della tecnologia ha recentemente annunciato nuove modifiche al modo in cui i proprietari dei siti dovrebbero utilizzare i collegamenti nofollow , inclusi nuovi tag come i tag “sponsorizzato” e “UGC”. Questi tag intendono semplificare la creazione del profilo di collegamento, aggiungendo un metodo semplice per i proprietari di siti per contrassegnare i collegamenti sponsorizzati e i collegamenti a UGC.

In sostanza, questa nuova modifica significa che l’algoritmo di ricerca di Google ora considera un tag nofollow come un “suggerimento” piuttosto che una direzione. Può includere o meno il collegamento nel profilo del collegamento del sito, quindi i proprietari del sito dovrebbero fare un ulteriore passo avanti utilizzando i nuovi tag “sponsorizzato” e “UGC”, ove appropriato. A partire dal 1° marzo 2020, i bot dei motori di ricerca di Google non ignoreranno più automaticamente i link nofollow durante la compilazione dei profili di collegamento e li utilizzeranno invece come indicazioni per cercare tag aggiuntivi.

Sarà possibile utilizzare questi tag in combinazione. Ad esempio, puoi contrassegnare un collegamento come “nofollow sponsorizzato” o “nofollow ugc”. A seconda di come utilizzi e combini questi tag, l’algoritmo di Ricerca Google potrebbe utilizzarli come suggerimenti e infine considerarli per l’indicizzazione. Questo cambiamento può sembrare controintuitivo, ma la logica alla base è che Google abbia la capacità di compilare profili di collegamento più accurati per siti Web più grandi. A causa delle modifiche apportate ai tag nel 2005, molti siti contrassegnavano semplicemente ogni collegamento come nofollow per evitare potenziali sanzioni. Non hanno ottenuto nulla per i propri scopi SEO, ma hanno reso inutilizzabili per Google ampie porzioni del grafico dei collegamenti.

Migliora i tuoi risultati SEO con l’uso appropriato dei link Nofollow

In definitiva, il sistema di tagging dei link nofollow è un ottimo strumento per la gestione del tuo profilo di link, che ti consente di avere un maggiore controllo sui link che influenzano il tuo profilo di link e le classifiche dei risultati dei motori di ricerca. Presta molta attenzione ai cambiamenti annunciati da Google e inizia a pensare a come affrontare il tagging dei link per il 2022. L’utilizzo dei link Nofollow ha un grande potenziale per qualsiasi proprietario di siti che desideri aumentare la consapevolezza del marchio, guidare il traffico web organico e aumentare il successo SEO complessivo in il nuovo anno.

Vantaggi SEO

Sebbene Google abbia sempre affermato che la maggior parte dei link nofollow non contano per il ranking di una pagina, Google ha recentemente cambiato il modo in cui vengono utilizzati i link nofollow, ora vedendoli come suggerimenti. Ciò significa che i collegamenti nofollow hanno un effetto sul ranking di una pagina, sebbene sia ancora considerato un effetto minore rispetto ai collegamenti Dofollow.

Importanza per la SEO

L’attributo nofollow è una parte importante della SEO, sia dal punto di vista on-page che da quello off-page. Sebbene meno vantaggiosi dei link Dofollow, i link nofollow hanno ancora un certo valore SEO e possono aiutare il tuo sito web a posizionarsi più in alto nelle SERP. Oltre ai vantaggi del ranking diretto, la corretta implementazione dell’attributo nofollow se offri link/pubbliredazionali a pagamento sul tuo sito può aiutare il tuo sito a evitare sanzioni. Comprendere le linee guida dei motori di ricerca sull’uso dell’attributo nofollow è quindi una parte importante anche della SEO on-page .

 

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Lascia un commento

Carlo Alberto Bello

Consulente SEO dal 2012. Aiuto aziende e professionisti a promuovere i loro prodotti e servizi su Google, Bing e altri motori di ricerca, utilizzando le migliori strategie della Link Building.