Link nofollow cosa sono ?

link nofollow
Tabella dei Contenuti
Condividi il post
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

I link Nofollow sono link con il rel=”nofollow”tag, che dice ai motori di ricerca di non seguire il link. Ciò riduce la loro efficacia nel migliorare il posizionamento nei motori di ricerca poiché i motori di ricerca non li usano come un forte segnale di posizionamento.

In passato, quando il PageRank era ancora reso visibile da Google, i link Nofollow non superavano il PageRank, il che dimostrava che non erano molto efficaci nel migliorare il SEO off-page di un sito. Dal momento che il PageRank non è più reso visibile da Google, la differenza tra link con e senza l’attributo nofollow può essere vista solo attraverso ricerche correlate sulle SERP, o test sul campo.

Perché esiste il tag nofollow?

Il tag nofollow esiste per dire ai motori di ricerca che un link non dovrebbe contare per il posizionamento di un sito web. Agli albori della SEO, lo spam di backlink era un modo semplice per aumentare le classifiche. Ciò ha permesso ai SEO black hat di creare una grande quantità di link di bassa qualità, come i link ai commenti dei blog, al fine di manipolare gli algoritmi dei motori di ricerca. Questo accadeva spesso a spese dei siti su cui venivano inseriti i collegamenti.

Tuttavia, nel 2005, è stato introdotto l’attributo nofollow per aiutare a ridurre lo spam di link building, consentendo ai proprietari di siti web di chiedere ai motori di ricerca di non contare un link per il posizionamento del sito.

I backlink trasmettono il link juice che ha influenzato il PageRank di un dominio quando era ancora reso pubblico da Google. Quando il PageRank era visibile, i collegamenti con un attributo Dofollow trasmettevano chiaramente il PageRank alla pagina a cui era collegato, mostrando che Google utilizzava il collegamento. I link con l’attributo nofollow non trasmettevano il PageRank alla pagina a cui erano collegati.

L’attributo nofollow permetteva ai webmaster di indicare ai motori di ricerca che non volevano che il loro sito fosse associato a un link. Originariamente utilizzati per contrastare lo spam nei commenti dei blog, da allora hanno iniziato a essere utilizzati per una gamma più ampia di situazioni in cui un collegamento non è stato guadagnato.

Quando vengono utilizzati i collegamenti nofollow

  • Per i collegamenti nei commenti del blog e altri contenuti generati dagli utenti
  • Per i link negli annunci e nei banner
  • Per i link a pagamento
  • Quando il proprietario del sito web non vuole che il suo sito sia associato al sito a cui è collegato

Nofollow vs Dofollow

L’attributo Dofollow è l’opposto dell’attributo nofollow e viene utilizzato quando il proprietario del sito Web desidera che il collegamento venga considerato ai fini delle classifiche di ricerca dell’altro sito. Viene utilizzato quando un collegamento è considerato un puro rinvio, ad esempio un riferimento/fonte in un articolo o un articolo informativo o un collegamento editoriale in un blog.

Vantaggi SEO

Sebbene Google abbia sempre affermato che la maggior parte dei link nofollow non contano per il ranking di una pagina, Google ha recentemente cambiato il modo in cui vengono utilizzati i link nofollow, ora vedendoli come suggerimenti. Ciò significa che i collegamenti nofollow hanno un effetto sul ranking di una pagina, sebbene sia ancora considerato un effetto minore rispetto ai collegamenti Dofollow.

Importanza per la SEO

L’attributo nofollow è una parte importante della SEO, sia dal punto di vista on-page che da quello off-page. Sebbene meno vantaggiosi dei link Dofollow, i link nofollow hanno ancora un certo valore SEO e possono aiutare il tuo sito web a posizionarsi più in alto nelle SERP. Oltre ai vantaggi del ranking diretto, la corretta implementazione dell’attributo nofollow se offri link/pubbliredazionali a pagamento sul tuo sito può aiutare il tuo sito a evitare sanzioni. Comprendere le linee guida dei motori di ricerca sull’uso dell’attributo nofollow è quindi una parte importante anche della SEO on-page .

Scrivi un commento

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Assistenza per wordpress
Assistenza WordPress attiva H24
Consulenza seo
Prima consulenza SEO gratuita
Post Popolari:
Cosa è una parola chiave
Seo
Cosa è una parola chiave

In generale, le parole chiave vengono utilizzate per descrivere il contenuto di un’opera d’arte o di un documento in diverse aree come arte e cultura, media o industria.

Leggi tutto »
URL cosa sono
Dominio e hosting
URL cosa sono?

Un URL (Uniform Resource Locator) è un indirizzo impostato per individuare una risorsa univoca su Internet, come un file o un’app.

Leggi tutto »
Struttura del sito web
Seo
Struttura del sito web

La struttura del sito Web, denominata anche architettura del sito, si riferisce a come le pagine di un sito e il suo contenuto sono strutturati in relazione ad altri contenuti nella pagina e tra le pagine.

Leggi tutto »
Usabilità del sito web
Seo
Usabilità del sito web

Il termine usabilità descrive quanto sia facile utilizzare in pratica un sito web. Criteri come la chiarezza del design, la facilità d’uso e l’accessibilità svolgono un ruolo importante a tal fine.

Leggi tutto »
Cosa sono i plugin
Plugin e Temi
Cosa sono i plugin?

Un plug-in è un componente aggiuntivo del software che aggiunge funzionalità specifiche a un browser Web, CMS o altri programmi. 

Leggi tutto »
Snippet in primo piano su Google
Seo
Snippet in primo piano su Google

Gli snippet in primo piano sono risultati di ricerca visualizzati sopra i risultati organici di Google e sotto gli annunci a pagamento, uno spot denominato “posizione zero”.

Leggi tutto »
Carlo Alberto Bello

Sono Carlo Alberto Bello, consulente SEO italiano con sede a Lecce dal 2012. Aiuto aziende e professionisti a promuovere i loro prodotti e servizi su Google, Bing e altri motori di ricerca. Ho un'esperienza rilevante nella consulenza seo e Link Building.