Sitemap: cos’è e perché dovresti creare la tua adesso

Sitemap XML
Aggiornato il 4 Aprile 2022

Una sitemap può essere molto utile per migliorare la ricerca e il ranking del tuo sito web – continua a leggere per saperne di più!

SEO. Probabilmente ti sei già imbattuto in questo acronimo durante la ricerca di modi di marketing su Internet, vero?

Fondamentalmente, l’ottimizzazione dei motori di ricerca consiste in una serie di tecniche per conquistare buone posizioni nei risultati dei motori di ricerca. Principalmente Google, che è responsabile di una gran parte del traffico su Internet.

Parole chiave, link building, scannabilità, tempo di caricamento, responsive design. Tutti questi sono fattori di ranking molto importanti per conquistare la tanto agognata cima della pagina dei risultati di ricerca.

Tuttavia, c’è un altro elemento molto importante che è spesso trascurato dagli amministratori: la sitemap.

Non sai cos’è? Allora siete nel posto giusto. In questo articolo, imparerai cos’è e perché dovresti creare il tuo proprio adesso. Continua a leggere e impara tutto su questa importante risorsa!

Ma prima, cos’è una mappa del sito?

Probabilmente hai già usato gli organogrammi gerarchici quando scrivi un testo in Word, vero? Quindi, una sitemap funziona più o meno così, ma al posto dei disegni si usano altre forme di indirizzamento.

Come dice il nome stesso, è una mappa del vostro sito web. Contiene le informazioni che indicano il percorso corretto da seguire per il crawler.

Un crawler è un robot che striscia su internet, individuando le pagine rilevanti per ogni ricerca. In questo caso, il GoogleBot.

Pensate alla seguente situazione: un minatore deve esplorare una miniera d’oro in cui non è mai stato prima. Tuttavia, prima di questo, dovrà scavare e scoprire ogni angolo e fessura per trovare alla fine quello che sta cercando. Ma se qualcuno gli dà una mappa, tutto sarà più facile, vero?

Questa è esattamente la funzione della sitemap: aiutare il robot di Google a lavorare. Questo renderà il processo di indicizzazione più veloce ed efficiente. Sia il tempo di scansione che il tempo di caricamento della pagina diventeranno più veloci.

Queste informazioni sono memorizzate sul server dove è ospitato il sito web e rivelano l’intera struttura, come un indice, ottimizzando l’efficienza del motore di ricerca. Google ti è grato e puoi ottenere risultati più veloci e accurati.

Una sitemap contiene gli URL principali di un sito web, cioè quelli che saranno letti in ordine di priorità. Contiene anche informazioni sulla gerarchia, l’architettura dei collegamenti e gli aggiornamenti.

Possono essere pagine di conversione, post di blog o schede. In breve, è necessario dare la priorità a quelli che considerate veramente importanti per il vostro business.

Ma, alla fine, quali sono i benefici?

Nel SEO, una delle tecniche principali è il link building. Cioè, riferimenti su altre pagine che reindirizzano l’utente al tuo sito web.

Quando una pagina non riceve molti link in entrata, può passare inosservata al bot. Pertanto, è necessario indicarlo a Google, che in questo modo sarà più facile riconoscerlo e posizionarlo nei risultati di ricerca.

Inoltre, l’uso delle date indica l’aggiornamento del contenuto. Così, saranno riletti dal crawler. Questa tecnica di ristrutturazione ed estensione dei contenuti è ampiamente utilizzata per cercare di migliorare il ranking delle pagine.

Google dà anche la priorità agli amministratori del sito che assistono il bot nella lettura, una pratica che è raccomandata e premiata dal motore di ricerca.

In quali situazioni si dovrebbe usare una Sitemap?

La creazione di una sitemap è raccomandata per qualsiasi blog o sito web, poiché facilita il processo di indicizzazione e rivela una preoccupazione da parte del webmaster. Google è fondamentalmente un partner commerciale, quindi devi anche aiutarlo a ricambiare.

Tuttavia, ci sono alcune situazioni specifiche in cui la mappa del sito è essenziale. Scoprite quali sono alcuni di loro:

Siti con contenuto dinamico

Quando il contenuto di un sito viene regolarmente aggiornato o ripubblicato, una sitemap è essenziale. Esempi sono i grandi portali di notizie, i blog aziendali con un focus sul SEO e i negozi online, che sono in balia delle scorte sulle loro pagine di prodotti.

Siti che hanno difficoltà a posizionarsi bene

Alcuni siti hanno difficoltà a raggiungere un buon posizionamento. Questo può essere dovuto a una serie di fattori, come il contenuto in Ajax, Flash o creato in Wix.

Nuovi siti

I siti web che sono stati creati solo di recente non hanno ancora un’alta autorità di dominio. Pertanto, Google può impiegare più tempo per scansionare le pagine interne. In questo caso una mappa del sito può accelerare questo processo.

Siti senza link building

Quando non ci sono molti link in entrata per un sito web, il crawler può considerarlo irrilevante. Pertanto, per aumentare le possibilità di apparire in Google, si consiglia di utilizzare una sitemap.

Quali sono i formati di una mappa del sito?

Quando si va in un centro commerciale, di solito c’è una mappa che mostra la posizione di ogni negozio e i loro rispettivi piani. Questo è simile a una sitemap, ma il robot di Google non può leggere le informazioni in un formato grafico.

Ecco perché ci sono diversi modelli. Scoprite quali sono qui sotto:

XLM

Il formato più comunemente usato sul web è l’XLM. Consiste in un elenco di URL formattati in un linguaggio codificato, specialmente per l’ottimizzazione SEO. Può essere creato manualmente o con l’aiuto di strumenti specifici. Aggiunge anche immagini e video.

TXT

Il formato TXT è più semplice, ma trascura alcune informazioni importanti, come la data di modifica dell’URL e l’organizzazione delle pagine. È fondamentalmente un testo che può essere composto in un semplice editor, come Word o Notepad.

Atom-RSS

Atom-RSS è ampiamente utilizzato nei blog. In esso, la sezione delle notizie funziona come una sitemap, ma prende in considerazione la data di pubblicazione come fattore di priorità. Funzionano in modo simile a un aggregatore di contenuti in cui l’utente può registrarsi.

Siti Google

Un sito creato tramite Google Sites avrà una mappa del sito creata automaticamente, tuttavia, è necessario inviarla per le informazioni di segnalazione.

Quali sono i tipi di sitemaps?

Poiché internet è un ambiente che offre una vasta gamma di opportunità, ci sono molti tipi diversi di business. Pertanto, molte volte i siti web avranno bisogno di diversi tipi di sitemaps, rendendo la mappa ancora più specifica.

Avete già notato che nel motore di ricerca stesso ci sono le schede “Immagini” “Video” e “Notizie” sotto la casella di ricerca? Questa ottimizzazione è fatta attraverso sitemaps specifiche, che possono essere incorporate nello stesso file o in file separati.

Scoprite, qui di seguito, quali sono alcune caratteristiche di ogni tipo di sitemap:

Immagini

Molti siti web si concentrano sull’aspetto visivo. È il caso delle banche di immagini, dei portafogli di fotografi e illustratori e anche di alcuni siti di e-commerce.

Una sitemap delle immagini ha la stessa funzione, ma gli URL citati saranno diretti alle foto. Questa risorsa è molto importante per le imprese che vogliono apparire in cima a Google Images.

Video

I video sono molto richiesti nell’atmosfera digitale. Per questo motivo, è molto importante posizionarli bene nei motori di ricerca.

Molte volte Googlebot finisce per essere negligente con questo formato di contenuto, quindi fare una sitemap è una buona idea. Dovrebbe contenere informazioni come la descrizione, la durata e la miniatura.

Notizie

Un altro tipo di sitemap è la sitemap delle notizie. Se investite in questo tipo di media, avrete certamente bisogno di una sitemap di questo tipo, perché prende in considerazione la sezione delle notizie del blog.

Oltre alla sitemap, sarà necessario seguire alcuni passi e richiedere l’inclusione dell’articolo attraverso Google News publisher central.

Come creare una mappa del sito?

Le sitemaps possono essere create manualmente, ma alcuni formati richiedono una certa profondità di studio, come il markup XML.

Ci sono diverse piattaforme che possono aiutare in questo processo. Se il tuo sito è stato creato in WordPress, ci sono alcuni plugin che possono eseguire questo compito in modo semplice e veloce, come Better WordPress Google XLM Sitemaps o Yoast SEO stesso, già utilizzato da molti webmaster.

Un’altra opzione è il software GSiteCrawler, un simulatore di crawler che analizza il sito web e crea automaticamente la sitemap.

Infine, ci sono strumenti online come XLM-Sitemaps (gratuito per siti fino a 500 pagine) e l’estensione del browser Sitemap Generator.

Come inviare una sitemap.xml a Google?

Dopo aver creato la tua Sitemap, devi segnalarla a Google e renderla strisciabile. Ci sono due modi per farlo:

Google Search Console: basta andare alla scheda “Crawl”, cliccare su “Sitemap” e “Add/Track Sitemap” sul pulsante rosso in alto a destra.

Robots.txt: basta inserire la seguente riga nel file di testo dove è stata creata la sitemap, specificando il percorso:

https://esempio.com/sitemap_index.xml

Ci sono altre raccomandazioni per migliorare i risultati?

Per migliorare le prestazioni del tuo sito web, alcune pratiche relative alla mappa del sito sono raccomandate. Scopritene alcuni qui sotto:

Creare diverse sitemaps per le diverse categorie del sito.
Anche se il limite è di 50.000 URL, cercate di mantenere questo numero sotto i 10.000.
Utilizzare URL canonici, ad esempio www.tuositioweb.com. Evitare le modifiche al protocollo di trasferimento (https).
Visita regolarmente Google Search Console per identificare possibili errori.
Allora, ti è piaciuto questo articolo? Scopri quali sono le principali penalizzazioni di Google e impara come evitare che il tuo sito web perda le posizioni di ricerca!

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Lascia un commento

Carlo Alberto Bello

Consulente SEO dal 2012. Aiuto aziende e professionisti a promuovere i loro prodotti e servizi su Google, Bing e altri motori di ricerca, utilizzando le migliori strategie della Link Building.