Che cos’è Googlebot? Conoscere il crawler di Google

googlebot
Tabella dei Contenuti
Condividi il post
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

La scansione e l’indicizzazione di Google sono termini che probabilmente hai sentito mentre ti immergi nelle acque profondamente dinamiche dell’ottimizzazione dei motori di ricerca. Probabilmente hai anche sentito parlare dei robot dei motori di ricerca di Google come il suo famoso Googlebot.

Ma cos’è Googlebot? E come funziona Googlebot in SEO?

Per il team di analisti di Radd, l’indice di Google è la nostra linfa vitale, e lo stesso vale per le istituzioni di marketing su Internet in tutto il mondo. È la base su cui si fondano i nostri sforzi. Detto questo, daremo uno sguardo più approfondito ai tecnicismi del processo di indicizzazione di Google ed esploreremo i modi in cui influisce sul successo di aziende e siti web.

Per le aziende che desiderano espandere le proprie prestazioni di ricerca e aumentare la propria presenza online, comprendere come funziona Googlebot può essere d’aiuto.

Che cos’è la scansione e l’indicizzazione di Googlebot e in che modo influisce sul mio sito?

Googlebot è un software speciale, comunemente chiamato spider, progettato per strisciare tra le pagine dei siti web pubblici. Segue una serie di collegamenti che iniziano da una pagina all’altra, quindi elabora i dati che trova in un indice collettivo.

Questo software consente a Google di compilare oltre 1 milione di GB di informazioni in solo una frazione di secondo. I risultati della ricerca online vengono quindi estratti direttamente da questo indice. Un modo semplice e divertente per pensarlo è come una biblioteca con un inventario in continua espansione. Googlebot è un termine generico per gli strumenti che utilizza per scoprire i contenuti web in entrambe le impostazioni desktop e mobile.

Con questo in mente, allora cos’è Googlebot in termini di SEO?

L’ottimizzazione strategica delle pagine web lavora per aumentare la visibilità tra i risultati di ricerca web. Il modo in cui il tuo sito web è mappato tramite link di testo può migliorare notevolmente l’efficacia complessiva della scansione di Googlebot. Le strategie SEO sostanziali includono tecniche di ottimizzazione orientate sia a Googlebot che alle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP).

Conoscere il crawler di Google

Ogni motore di ricerca (e molti altri siti web) ha dei bot e Googlebot è di Google. Googlebot è un bot di scansione che in termini semplici va da un collegamento all’altro cercando di scoprire nuovi URL per il suo indice.

Ecco come funziona Googlebot: i collegamenti sono fondamentali per consentirgli di passare da una pagina all’altra (e possono essere anche qualsiasi tipo di collegamento): collegamenti immagine, barra di navigazione, testo di ancoraggio e persino collegamenti nascosti con JavaScript correttamente leggibile .

Quando queste pagine vengono scoperte, il loro contenuto viene visualizzato da Googlebot e il suo contenuto viene letto in modo che il motore di ricerca possa determinarne l’oggetto e il valore per i ricercatori. Una corretta strategia SEO significa che i siti con una buona struttura, tempi di caricamento rapidi e contenuti comprensibili sono facili da digerire per Googlebot e possono aiutare il SEO di un sito.

Che cos’è la scansione del sito web  ?

La scansione si riferisce al grado di accesso di Googlebot all’intero sito. Più facile è per il software setacciare i tuoi contenuti, migliori saranno le tue prestazioni all’interno delle SERP.

Tuttavia, è possibile che i crawler vengano bloccati, se non dal tuo sito nel suo insieme, sicuramente da pagine selezionate. I problemi comuni che possono influire negativamente sulla tua capacità di scansione includono complicazioni con un DNS, un firewall o un programma di protezione mal configurato o talvolta anche il tuo sistema di gestione dei contenuti. Va notato che puoi manipolare personalmente quali pagine Googlebot può e non può leggere, ma fai molta attenzione per assicurarti che le tue pagine più importanti non vengano bloccate.

Cosa posso fare per ottimizzare il mio sito per Googlebot?

Di seguito sono riportati alcuni suggerimenti e suggerimenti per l’ottimizzazione del sito Web per il crawler di Googlebot:

  1. I tuoi contenuti devono essere facilmente visibili in un browser di testo, quindi non complicare le cose. Googlebot ha difficoltà a eseguire la scansione di siti che utilizzano programmi come Ajax e (a volte) JavaScript. In caso di dubbio, mantienilo semplice.
  2. Utilizza le pagine canoniche per aiutare Googlebot a trovare la versione corretta delle pagine duplicate. Per molti siti web è comune avere più URL per la stessa pagina. Il moderno Googlebot è persino in grado di sapere quando ciò sta accadendo, ma avere tonnellate di pagine duplicate su più URL a volte può confonderlo, rallentarne la velocità di indicizzazione e ridurre il budget di scansione. Ecco perché la canonicalizzazione è la migliore tecnica per la SEO nella maggior parte dei casi.
  3. Guida Googlebot attraverso il tuo sito utilizzando il file robots.txt o i tag meta robot. Bloccando il crawler da pagine non importanti, il software trascorrerà il suo tempo sui tuoi contenuti più preziosi e lo aiuterà a comprendere la struttura del tuo sito. (Negli ultimi anni Google ha minimizzato l’effetto di robots.txt per il blocco delle pagine dall’indice che non funziona più con certezza, la migliore strategia è invece quella di utilizzare le direttive “no-index“)
  4. Contenuto fresco Google ama i contenuti freschi e pertinenti. L’aggiornamento di vecchie pagine o la creazione di nuove susciterà l’interesse del crawler. Più frequentemente si esegue la scansione, maggiori sono le possibilità di aumentare le prestazioni. Tuttavia, questo si applica solo finché si effettuano aggiornamenti di qualità. Assicurati sempre che la tua copia sia ben scritta e non piena di parole chiave. Il contenuto scritto male avrà solo un effetto negativo.
  5. Collegamento interno Il collegamento interno tramite collegamenti di testo di ancoraggio, o ATL, aiuta a indirizzare il crawler attraverso il tuo sito. Un sistema di collegamento ben consolidato può rendere la scansione di Googlebot molto più efficace. Vuoi essere deliberato quando scrivi ATL. Collegati solo a pagine pertinenti al tuo contenuto o prodotto e assicurati che la destinazione non sia altrimenti accessibile dalla barra di navigazione della pagina corrente.
  6. Invio di una mappa del sito. Le mappe del sito sono file ospitati sul server di un sito che elencano tutti gli URL del sito (o almeno tutti quelli che i proprietari del sito scelgono di includere). Le Sitemap sono utili per la SEO poiché forniscono a Googlebot un elenco facile da trovare e da digerire di tutte le tue pagine più preziose. Con una mappa del sito, i siti verranno probabilmente indicizzati più rapidamente e più frequentemente.

Le prestazioni del tuo sito all’interno di Google sono una cosa a più livelli ed è importante ricordare che Googlebot esegue sempre la scansione.

I diversi tipi di Googlebot

Secondo Google, tutti i siti Web verranno probabilmente sottoposti a scansione sia da Googlebot Desktop che da Googlebot Smartphone. Variazioni sui suoi crawler progettate per raccogliere informazioni diverse per dispositivi diversi. Quando Google ha annunciato l’indicizzazione mobile-first per il suo indice nel 2018, significava che i siti Web con versioni mobili avrebbero inserito quella versione nel suo indice per impostazione predefinita, segnalando alle aziende online e ai siti Web che il traffico mobile stava diventando sempre più dominante.

Googlebot utilizza diversi “user-agent” per imitare diversi dispositivi o tecnologie in modo da poter vedere come i contenuti web appaiono a quei diversi software.

Googlebot

Che cos’è Googlebot Smartphone? In effetti, quanti Googlebot ci sono?

Google ha sedici diversi bot progettati per varie forme di rendering e scansione del sito. La verità è che per la SEO raramente hai bisogno di impostare il tuo sito in modo diverso per uno di questi. Ciascuno di questi bot può essere gestito in modo diverso utilizzando il file robots.txt o i meta comandi, ma a meno che non si specifichino le direttive per un particolare bot, verranno trattati tutti allo stesso modo.

Googlebot funziona con il motore di rendering Chromium di Google che viene aggiornato di volta in volta per garantire che sia in grado di comprendere i parametri e gli stili di codifica dei siti Web moderni e per garantire che possa eseguire rapidamente il rendering di pagine moderne.

Chromium di Googlebot è diventato quello che Google chiama un motore “sempreverde”, il che significa che eseguirà sempre l’ultimo motore basato su Chromium per il rendering dei siti Web come fa il browser Chrome (insieme ad altri agenti utente per vari altri browser Web comuni). L’obiettivo di lunga data di Google è essere in grado di visualizzare e comprendere siti Web e pagine Web nel modo in cui lo fanno gli umani, ciò significa che Googlebot capirà le pagine più o meno allo stesso modo in cui appaiono nei browser Web moderni.

Per saperne di più

Allora, cos’è Googlebot nella SEO? Contattaci per avere maggiori informazioni.

In Radd Interactive, il nostro team di analisti lavora per eseguire ottimizzazioni strategiche che migliorano le prestazioni di un sito nel suo insieme, tenendo in considerazione l’appetito di Googlebot per contenuti freschi, pertinenti e facili da digerire.

L’ottimizzazione per il crawler di Googlebot aiuta a garantire che il tuo sito web venga scansionato e indicizzato in modo completo ed efficiente per ottenere i migliori risultati possibili.

Tags

Scrivi un commento

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Assistenza per wordpress
Assistenza WordPress attiva H24
Consulenza seo
Prima consulenza SEO gratuita
Post Popolari:
Cosa è una parola chiave
Seo
Cosa è una parola chiave

In generale, le parole chiave vengono utilizzate per descrivere il contenuto di un’opera d’arte o di un documento in diverse aree come arte e cultura, media o industria.

Leggi tutto »
URL cosa sono
Dominio e hosting
URL cosa sono?

Un URL (Uniform Resource Locator) è un indirizzo impostato per individuare una risorsa univoca su Internet, come un file o un’app.

Leggi tutto »
Struttura del sito web
Seo
Struttura del sito web

La struttura del sito Web, denominata anche architettura del sito, si riferisce a come le pagine di un sito e il suo contenuto sono strutturati in relazione ad altri contenuti nella pagina e tra le pagine.

Leggi tutto »
Usabilità del sito web
Seo
Usabilità del sito web

Il termine usabilità descrive quanto sia facile utilizzare in pratica un sito web. Criteri come la chiarezza del design, la facilità d’uso e l’accessibilità svolgono un ruolo importante a tal fine.

Leggi tutto »
Cosa sono i plugin
Plugin e Temi
Cosa sono i plugin?

Un plug-in è un componente aggiuntivo del software che aggiunge funzionalità specifiche a un browser Web, CMS o altri programmi. 

Leggi tutto »
Snippet in primo piano su Google
Seo
Snippet in primo piano su Google

Gli snippet in primo piano sono risultati di ricerca visualizzati sopra i risultati organici di Google e sotto gli annunci a pagamento, uno spot denominato “posizione zero”.

Leggi tutto »
Carlo Alberto Bello

Sono Carlo Alberto Bello, consulente SEO italiano con sede a Lecce dal 2012. Aiuto aziende e professionisti a promuovere i loro prodotti e servizi su Google, Bing e altri motori di ricerca. Ho un'esperienza rilevante nella consulenza seo e Link Building.