Come verificare il posizionamento di un sito web su Google

Verifica posizionamento sito Google
Tabella dei Contenuti
Condividi il post
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Ecco come verificare il posizionamento di un sito web su Google in diverse soluzioni.

Chi gestisce un sito web ha sicuramente l’obiettivo di riuscire a posizionarsi in alto nei motori di ricerca. È importante per la SEO che venga monitorato il posizionamento del sito web nei motori di ricerca, i quali modificano gli algoritmi costantemente nel tempo. Questo articolo ti spiegherà in maniera chiara e semplice come monitorare il posizionamento del tuo sito.

Verifica del posizionamento su Google tramite la ricerca in modalità anonima dal browser

Il metodo più basilare e facile per ottenere informazioni a riguardo del proprio posizionamento sul web è quello di andare su un browser e digitare il nome del proprio sito.

Se vuoi evitare di utilizzare il tuo account per non influenzare il posizionamento puoi optare per la navigazione in modalità anonima.

Per evitare il tracciamento attiva quindi la modalità anonima dal browser su cui entrerai:

Su Firefox premi i tasti Ctrl + Maiusc + P, se invece entrisu Chrome premi i tasti Ctrl + Maiusc + P

Seleziona quindi il motore di ricerca su cui vuoi cercare informazioni, per esempio Google, e inserisci così la keyword in questione, andando così a controllare l’andamento della SERP, una volta giunti qui, potresti selezionare la voce ‘’impostazioni’’ e poi ‘’impostazioni di ricerca’’. Se hai intenzione di visualizzare un numero maggiore di risultati per pagina dovrai selezionare ‘’risultati per pagina’’ e dovresti scorrere il cursore fino al numero di pagine che vorresti visualizzare per pagina, a questo punto clicca su ‘’Salva’’.

Selezionando CTRL + F e inserendo l’url del tuo sito web potrai identificarlo velocemente dentro la SERP.

È un metodo che permette di monitorare senza problemi il proprio sito web per quanto riguarda il posizionamento sui motori di ricerca, può essere un metodo consigliato soprattutto nel caso in cui si debbano cercare poche parole chiave. Nel caso le parole chiave da cercare siano molte questo metodo può diventare complesso e scomodo.

È possibile poi attuare il monitoraggio attraverso diversi tool, tra questi troviamo SEOzoom, What’s my serp, serprobot, Seo Tolls e Google search console.

Il metodo migliore per verificare il posizionamento su Google è SeoZoom

Un Tool che adoro tantissimo e che utilizzo per monitorare il posizionamento dei siti dei miei clienti e ricercare nuove parole chiave.

Tutte le sue funzioni principali sono a pagamento, utilizzando la versione gratuita si vede ben poco. Fortunatamente è possibile sfruttare la PROVA GRATUITA di SeoZoom, 15 giorni con i super poteri, troverai il link per la registrazione alla prova gratuita cliccando quì. Avrai accesso completo alla piattaforma per monitorare lo stato attuale del posizionamento di tutte le pagine del sito, ricercare nuove keywords e controllare anche la concorrenza.. Insomma una risorsa fondamentale per chi intende posizionarsi nei motori di ricerca.

Verifica posizionamento Google con What’s my serp

What’s my serp è un tool gratuito ed intuitivo che può aiutati a monitorare la posizione del tuo sito web nei motori di ricerca come Google.

Se hai più siti web è il tool adatto a te, permette infatti di monitorare fino a 20 siti. Potrai svolgere fino a 10 ricerche al giorno e non prevede l’obbligo di registrazione per poterlo utilizzare.

Registrandoti non avrai più limiti per quanto riguarda le ricerche,per quanto riguarda il numero di siti che è possibile monitorare, non cambierà nulla se si è registrati o meno in quanto sarà sempre di 20.

La registrazione è gratuita. Dovrai compilare un modulo con l’indirizzo del tuo sito web, il paese per cui vorrai fare il controllo e le keyword interessate.

Procedi ad inserire quindi tutti i dati e clicca su ‘’Check all’’ per poter monitore i risultati. Questo tool monitora le prime 100 posizioni su Google.

Se non trova il tuo sito significa che sei posizionato oltre la centesima posizione oppure non siete affatto presente.

Serprobot Small, Seo Tools e Google search console

Altre due opzioni per poter monitorare il proprio sito web sono Serprobot e Small Seo Tolls.

Sono utilizzabili anche senza essere registrati, anche se solo minimamente. Sono facilmente utilizzabili, per poter ottenere il tracciamento del tuo ranking dovrai scegliere un piano di pagamento in quanto non sarà usufruibile gratis.

Google search console è un tool che viene fornito da Google e permette agli utenti di monitorare come viene posizionato il loro sito sul noto motore di ricerca da cui questo tool prende il nome.

Semrush invece consente di monitorare le keyword e sapere il loro posizionamento ed è utilizzato anche per l’estero, Seozoom è invece indicato per la ricerca di keyword in italiano.

Che fattori influenzano sul posizionamento su Google

È importante che tu sia al corrente dei fattori che influenzano il posizionamento del tuo sito web su Google e simili, sia in maniera positiva, facendogli ottenere una buona posizione, sia in maniera negativa, penalizzandolo e facendolo finire nelle ultime pagine.

Google da molta importanza a questi fattori:

  • Velocità del sito, è importante che il proprio sito sia veloce se si vuole ottenere un buon posizionamento, un sito lento non finirà mai nelle prime due pagine di Google, venendo pesantemente penalizzato
  • Il proprio sito web non deve contenere contenuti duplicati ed errori come i 404
  • Il sito deve avere una buona navigabilità per gli utenti che lo visitano
  • Viene data molta importanza ai contenuti originali e non copiati da altri siti
  • Nella scelta delle keyword è importante tenere conto di vari fattori come il volume di ricerca, la concorrenza per quella keyword, scelta della nicchia, è importante evitare errori in questi ambiti
  • Se il vostro sito riceve backlink da siti riconosciuti vi sarà di aiuto per essere considerati attendibili da Google, la ricezione di backlink da parte di siti considerati spam ed inattendibili vi farà invece venire penalizzati

A tal proposito Disavow Tool permette di comunicare a Google un elenco di siti da cui non si vogliono ricevere backlink
È fondamentale che non ci siano errori ortografici soprattutto nei link

Tali errori penalizzano molto il sito nell’ambito del posizionamento

  • Le immagini che andrete a caricare sul vostro sito non dovranno essere troppo pesanti, ciò  lo penalizza e aumenta la possibilità di rimbalzo, gli utenti non amano navigare su siti lenti che si bloccano di continuo
  • Aggiornare spesso il sito con contenuti nuovi, originali e di qualità, il sito non deve essere infatti percepito come inattivo o rischierebbe di essere penalizzato
  • L’ iscrizione a Google webmasters può essere d’aiuto in quanto andate a validare la proprietà del sito

Perché è importante posizionarsi sulle prime pagine di Google?

Chi cerca informazioni oppure un prodotto da acquistare sul web raramente va oltre la seconda pagina, ragione per cui è fondamentale il posizionamento per poter ottenere traffico sul proprio sito, traffico che potrebbe trasformarsi in potenziali clienti.

Va fatta una differenziazione tra posizionamento e indicizzazione, avere un sito web indicizzato significa che è stato scansionato da Google e si trova nel motore di ricerca. Questo non vuol dire però che sia posizionato in maniera accettabile.

Scrivi un commento

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Post Popolari: