Come calcolare il costo di un e-commerce

Costo ecommerce
Tabella dei Contenuti
Condividi il post
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Se stai pensando di voler aprire un sito e-commerce per vendere i tuoi prodotti online dovrai fare i conti con il costo del sito in sé e del resto che dovrai andare ad affrontare.

Non limitarti a chiedere il preventivo di una sola agenzia o Freelancer, per quanto concerne il costo del sito, contattane diversi e poi scegli quale ritieni più idoneo per le tue esigenze anche sulla base di quanto dovrà essere grande l’e-commerce (ciò dipenderà della quantità di prodotti che avrai la necessità di vendere).

Di cosa devi tener conto prima di aprire un e-commerce online

Il flusso di vendita di un e-commerce

Questo è il flusso di vendita che normalmente si verifica in un e-commerce:

Flusso di vendita ecommerce
  • I clienti effettuano l’ordine grazie al carrello elettronico
  • Viene fatto l’addebito alla carta di credito
  • L’ordine viene inoltrato
  • Viene mandata una mail al cliente
  • C’è la presa in carico dell’ordine
  • L’ordine viene preparato per essere spedito
  • Viene spedito
  • Arriva a casa del cliente tramite corriere

Si può aprire un e-commerce senza dover fare un investimento?

Si può affermare in maniera abbastanza chiara che non è possibile aprire un e-commerce senza spendere nulla e senza fare un minimo di investimento in quanto anche se si opterà per una piattaforma open source si dovranno comunque affrontare dei costi extra.

Oltre all’e-commerce in sé è necessario investire a livello di promozione sui social, di conseguenza i costi saranno esterni al negozio virtuale.

Se apri un’attività on line e non ti occupi della sua pubblicizzazione difficilmente attirerai clienti e di conseguenza difficilmente otterrai un guadagno.

È possibile fare un business plan per comprendere quali potrebbero essere i costi correlati all’inizio di questa attività.

Interessato ad aprire un e-commerce? invia la richiesta per la creazione di un e-commerce.

Il costo del dominio e del piano hosting

Tra i costi che devono essere sostenuti per l’apertura di un e-commerce vi è anche quello del dominio, ci sono vari fattori che possono influenzare sul costo di un dominio:

  • Disponibilità: un nome disponibile sarà meno dispendioso di un nome che è già utilizzato
  • Keyword: il costo sarà maggiore se nel nome del dominio ci saranno delle keyword con notevoli volumi di ricerca
  • Estensione: il costo del dominio può variare anche in base all’estensione che si deciderà di utilizzare

Il costo del dominio verrà pagato ogni tot, ad esempio annualmente, se ciò non avviene il dominio torna ad essere disponibile per altri utenti. Se si vuole evitare questo problema si può selezionare il riavvio automatico.

Oltre al dominio bisognerà affrontare anche il costo del piano hosting, che hanno dei costi molto differenti. Si può spendere relativamente poco come 50 euro per gli hosting condivisi fino a 1000 euro circa per i server dedicati, questi ultimi sono da evitare specialmente all’inizio quando non si ha un enorme volume di utenza.

Un server dedicato può essere molto utile per un e-commerce ma in particolare all´inizio e se si ha un e-commerce relativamente piccolo non è indispensabile.

Al costo di per sé già esoso del server dedicato e del suo abbonamento, bisogna sommare il costo mensile del supporto dell’assistenza.

Un altro costo da affrontare saràquello dell’SSL, se non fa già parte del piano hosting che si ha scelto. Il costo può essere di 100 euro o più annui.

Dovrà poi essere scelto un CMS, nel caso in cui si opti per un software closed source bisognerà pagare anche la licenza.

Potrebbe interessarti anche: Aprire Un Sito E-Commerce Senza Partita IVA: È Possibile?

Costi da affrontare una volta apertol’e-commerce

Ci sono infatti dei costi di cui tener conto una volta che l’e-commerce è già stato creato, come un gestionale di fatturazione come l’ERPintegrato con il negozio.

Il costo per un gestionale di fatturazione non è standard, quelli con funzioni più limitate costano circa un centinaio di euro e si può salire fino a 1000 euro e più annui.

I costi riferiti alla promozione e al marketing fanno parte dei costi successivi all’apertura dell’e-commerce. Sta a voi in base al vostro budget decidere quanto investire. Si possono utilizzare i Google Ads, i Facebook Ads. Possono essere fatte anche delle campagne e-mail.

Scrivi un commento

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Assistenza per wordpress
Post Popolari:
Carlo Alberto Bello

La mia passione per WordPress mi ha portato negli ultimi 10 anni a voler aiutare sempre più persone a creare blog e siti web in WordPress in completa autonomia. Spero troverai utili le oltre 200 guide WordPress e sulla SEO che ho pubblicato su questo blog. Sono disponibile a fornire una prima consulenza SEO GRATUITA, consigliandoti una strategia seo per posizionare il tuo sito WordPress tra i primi su Google.