Cos’è un hosting? Ecco come ospitare un sito web online

Cos'è un hosting
Tabella dei Contenuti
Condividi il post
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Guida all’hosting e ai server per mettere online un sito web

Navigando su Internet, magari con l’intenzione di voler aprire il vostro sito, vi sarete sicuramente chiesti cos’è un hosting e come riuscire a padroneggiare questo elemento.

La vostra curiosità è più che lecita, poiché l’hosting è alla base di qualsiasi spazio web, e senza di questo non potremmo accedere ad alcuna informazione a riguardo.

Il suo funzionamento, almeno a livello concettuale, non è così complicato, ma è molto importante capirlo, se si ha intenzione di dare vita ad un nuovo sito.

Andiamo quindi alla scoperta di cos’è un hosting e perché è così importante per la realizzazione del nostro sito web.

Cos’è un hosting?

La prima cosa da sapere quando ci si chiede cos’è un hosting è sicuramente la sua definizione, che racchiude il succo della questione.

In poche parole, non è altro che uno spazio virtuale nel quale vengono ospitate le informazioni, i file e tutto ciò che fa parte del tuo sito, database compreso.

Possiamo dire che sia semplicemente un servizio, offerto dai cosiddetti web host, attraverso il quale qualsiasi pagina può essere individuata e vista sul web.

I servizi di web host sono offerti da aziende che possiedono i propri server, sui quali mettono a disposizione, a fronte di un pagamento, gli spazi su cui andranno poi ad essere caricati tutti i dati relativi al determinato sito web.

Questi server possono essere sia fisici che digitali, ne esistono di diverse tipologie e si distinguono fondamentalmente in potenza e capacità di processare i passaggi sul sito, ma tutti forniscono lo stesso servizio.

Per scegliere quello più adatto a voi bisognerà semplicemente capire quali siano le esigenze del vostro sito.

Come si può ospitare un sito web su un hosting?

Una volta capito cos’è un hosting, passiamo ora a comprendere come funzioni effettivamente questo procedimento.

Per ospitare il vostro sito web su un hosting, vi basterà semplicemente pagare il servizio all’azienda che detiene i server e poi potrete tranquillamente iniziare a lavorarci sopra.

Ciò che si rivela molto interessante è invece il procedimento con il quale questo può avvenire e come funziona il servizio in realtà.

Tutto si basa sull’URL, ovvero sull’indirizzo web corrispondente al sito in questione. Qualsiasi spazio web possiede un URL, che è in realtà legato all’host sul quale è ospitato.

Quando si digita un URL in realtà si manda una richiesta all’host che invia tutte le informazioni necessarie per poter caricare la pagina in questione, facendovi quindi accedere al sito web.

Questo indirizzo non è poi altro che la versione leggibile del famoso IP, ovvero quel codice identificativo in quattro parti che ogni computer possiede.

All’interno dell’URL del sito, è contenuto anche l’IP del server nel quale questo è ospitato, così che possa raggiungere immediatamente la destinazione e rimandare indietro tutti i dati necessari per poter caricare la pagina sul browser.

Quali sono i migliori hosting?

Non basta solamente sapere cos’è un hosting, bisogna anche capire quali siano i migliori in circolazione e soprattutto quali scegliere.

La varietà è moltissima, e per questo motivo ci si può confondere facilmente, ma la cosa migliore è sempre tenere a mente quali siano le esigenze del vostro sito e come lo vorrete utilizzare.

Se cerchiamo tra i nomi più apprezzati comunque, di sicuro spunta SiteGround, che riscuote sempre molto successo tra gli addetti ai lavori.

Questo perché ha costi piuttosto contenuti in relazione ai servizi di alto livello che offre, ha database anche in Italia e soprattutto la velocità dei suoi server raggiunge facilmente i massimi livelli.

Non è però ovviamente l’unico nome su cui fare affidamento: tra le aziende di spicco abbiamo anche Keliweb, DreamHost ed IONOS il quale fornisce un ottimo servizio hosting qualità prezzo, con un buon centro assistenza clienti.

I suddetti sono giganti dall’esperienza ultradecennale, e hanno sistemi solidi e comprovati. Inoltre, nei tanti anni di professione, milioni di clienti hanno provato i loro servizi e ne sono rimasti estremamente soddisfatti, fornendogli un background di prima categoria.

Tra gli altri nomi poi troviamo Kinsta, GoDaddy, Cloudways, tutte aziende assolutamente affidabili e competitive, tra le quali scegliere in sicurezza, ma sempre tenendo conto delle proprie esigenze.

Costi di gestione e manutenzione

Una volta compreso cos’è un hosting, andiamo quindi a vedere quali sono i costi effettivi per poter accedere a questo servizio.

In realtà in questo caso la risposta è molto variabile e dipende strettamente dalle dimensioni e dall’uso che si deve fare del sito in questione.

Di base un servizio di hosting può costare intorno ai 40 euro l’anno per un sito di piccole dimensioni, ma può arrivare a toccare anche cifre come 3000 euro per quelli più grandi e performanti.

Comunque, in media ci si aggira sempre intorno ai 100 euro, e gli spazi web che richiedono di più sono molto rari.

Per quanto riguarda la manutenzione, anche qui non esiste una risposta univoca: molti host includono la manutenzione nel prezzo, altri la fanno pagare a parte, ma tutto dipende dai lavori che vanno fatti sul sito.

Molti non richiedono praticamente alcun intervento, e tutto sarà più o meno a discrezione di chi compirà il lavoro.

Conclusioni

Abbiamo capito cos’è un hosting e come funziona, quindi ora siete pronti ad addentrarvi nell’intricato mondo di questi servizi.

Senza un host non è possibile aprire un sito internet, e dovrete essere in grado di valutare con saggezza quale sia quello più adatto alle vostre esigenze.

I nomi sono tanti e i servizi anche, ma molti offrono soluzioni adatte ad ogni situazione, e con un minimo di accuratezza, e magari qualche consiglio, siamo certi riuscirete a fare la scelta giusta.

Non vi resta che partire alla scoperta delle tante possibilità che questi servizi vi offrono, e scoprire quale sia quello che più si adatta al sito che avete in mente o che già gestite.

Ricordate solamente di avere pazienza nella vostra scelta e, se non riuscite a compierla da soli, chiedete un parere esperto, che saprà sicuramente indirizzarvi sulla strada giusta.

Scrivi un commento

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Assistenza per wordpress
Post Popolari:
Calcolare il tasso di conversione
Web Marketing
Come calcolare il tasso di conversione

Quando si esamina la gestione del ritorno sull’investimento (ROI) o delle prestazioni di un sito Web, l’impostazione degli obiettivi di conversione è uno dei modi più semplici e migliori per misurare i risultati.

Leggi tutto »
Carlo Alberto Bello

La mia passione per WordPress mi ha portato negli ultimi 10 anni a voler aiutare sempre più persone a creare blog e siti web in WordPress in completa autonomia. Spero troverai utili le oltre 200 guide WordPress e sulla SEO che ho pubblicato su questo blog. Sono disponibile a fornire una prima consulenza SEO GRATUITA, consigliandoti una strategia seo per posizionare il tuo sito WordPress tra i primi su Google.