Che cos’è un hashtag (#), a cosa serve e come usarlo nei social network?

Che cos'è un hashtag
Aggiornato il 4 Aprile 2022

I social network sono luoghi dove le persone possono condividere ciò che stanno vedendo, pensando e pensando.

Non sarebbe fantastico se si potessero filtrare le ricerche intorno a un certo argomento?

Se sei d’accordo, puoi essere felice, perché c’è una soluzione per questo: l’hashtag!

Con la diffusione dei social media, la presenza degli hashtag è diventata sempre più costante. Molti di noi li hanno già visti e hanno anche usato questo artificio. Tuttavia, spesso non capiamo la loro funzione principale.

Quindi, per capire meglio a cosa servono e come usarli correttamente, date un’occhiata a questo post!

Cos’è un hashtag?

Gli hashtag sono come parole chiave che le persone usano per marcare l’argomento del contenuto che stanno condividendo sui social media.

Ogni hashtag è trasformato in un collegamento ipertestuale che indirizza le persone a cercare le persone che hanno anche taggato il loro contenuto con un hashtag specifico. Quando selezioni una parola per un contenuto, questa viene automaticamente aggiunta al gruppo di ricerca per quell’argomento.

In altre parole, è un modo più pratico di raggruppare diversi contenuti su un dato argomento, rendendo più facile la ricerca dell’argomento desiderato. Da questa ricerca, è anche possibile trovare le persone che stanno parlando di un certo argomento e ciò che ognuno di loro ha condiviso.

Per esempio, se foste interessati a scoprire quali persone stanno commentando un argomento o un nuovo contenuto del mezzo di Content Marketing, potete facilitare la vostra ricerca utilizzando l’hashtag con il nome dell’argomento che volete cercare sui social network. In questo modo, scoprirete cosa dice la gente su quell’argomento.

Come e quando usare un hashtag?

Usare un hashtag è molto semplice. Basta usare il segno di numero (#) e poi inserire la parola chiave con cui vuoi classificare il tuo post. Non dimenticare che gli spazi non vengono identificati, quindi scrivi tutte le parole insieme.

Tornando al nostro esempio, per parlare di Content Marketing, per esempio, basta aggiungere un hashtag #contentmarketing o #agenziadicontentmarketing e si ha la garanzia di essere inclusi nell’universo di ricerca per l’argomento.

Consigli di base per l’uso degli hashtag

È importante parlare di alcuni consigli che possono aiutarvi molto a rendere i vostri hashtag di successo:

  • Non mettere tutti i tuoi contenuti in un solo hashtag. Se vuoi sapere cosa pensa la gente di un film, usa l’hashtag con il nome del film e non #whatpeoplearethinkingaboutthemovie.
  • Questo limiterà notevolmente la ricerca, diminuendo il volume dei contenuti trovati.
  • Non usare un hashtag per ogni parola. Questo consiglio è l’opposto del precedente. Se allegate gli hashtag #cosa #pensano #le #persone #al #film, aggregherete il contenuto in diversi gruppi di ricerca, non necessariamente quello che avevate previsto inizialmente.
  • Usa un hashtag che sia in linea con l’argomento del contenuto. Usare un hashtag, solo perché è di tendenza ma senza dire qualcosa di pertinente all’argomento, renderà l’hashtag inefficace nella diffusione del contenuto.
  • Controllare l’ortografia. Un semplice errore di ortografia, o anche un refuso, può rendere l’hashtag un fallimento. È improbabile che diverse persone facciano lo stesso errore quando creano un hashtag.

Come può la mia azienda utilizzare gli hashtag?

Ora che sai cos’è un hashtag e come dovrebbe essere usato correttamente, è il momento di capire come puoi applicare questa conoscenza nella pratica per la tua azienda.

Prima di tutto, è importante sottolineare l’importanza di avere profili di social media aziendali dove il vostro pubblico è più presente e attivo. In questo modo, è possibile interagire e avvicinarsi al proprio pubblico, creando una relazione che va ben oltre lo spot.

Quindi, se il tuo profilo è pubblico, usare gli hashtag in modo appropriato può far trovare i tuoi contenuti, oltre alle persone che già ti seguono. Quindi, la scelta degli hashtag può giocare un ruolo fondamentale nella portata delle vostre pubblicazioni, aumentando il numero di seguaci, fan o clienti.

È interessante creare il proprio hashtag per il tuo marchio o evento come strategia di marketing. In questo modo, puoi incoraggiare il tuo pubblico con il tuo hashtag a competere per promozioni o premi, per esempio. In cambio, aumenteranno notevolmente la visibilità del tuo hashtag.

Quando un marchio crea un hashtag, le persone iniziano a prenderne possesso. Interagiscono direttamente con il marchio e l’azienda. Così, aumentando la possibilità di diventare clienti in seguito.

Come creare un hashtag per un marchio?

Secondo quanto riportato finora, è possibile percepire che la creazione di un hashtag di successo è molto importante per il tuo marchio. Questo perché un hashtag ben fatto aumenta le possibilità di visite al tuo sito o blog. Attualmente, gli hashtag più ricercati e popolari sono quelli legati alle celebrità o alle breaking news. Così, si capisce che gli hashtag di maggior successo sono quelli che si riferiscono ad argomenti di interesse per milioni di persone.

Per iniziare a creare un fantastico hashtag per il tuo marchio, è importante considerare alcuni consigli.

Essere unici

Il primo punto da considerare è che l’hashtag deve essere unico. Per trovare queste informazioni, basta collegarsi a Twitter e cercare il termine per vedere se è stato usato prima. Oltre ad essere unico, l’hashtag deve riguardare un argomento di interesse per il pubblico di destinazione.

Considera il registro di whatthetrend.com

Quando si genera un hashtag, è essenziale che il termine sia registrato su questo sito e prima che lo faccia un’altra persona o società.

Prestare attenzione al programma

Ogni rete sociale ha i suoi momenti di punta, cioè i momenti in cui è possibile trovare più persone connesse. È essenziale considerare questo aspetto e pianificare attentamente la data e l’ora di utilizzo degli hashtag nella causa.

Approfittate dei post del blog

Una buona idea è quella di preparare alcuni testi legati all’hashtag e lasciarli pronti all’uso.

Le persone giuste fanno esplodere il tuo hashtag

Quando trovi i giusti decision maker o influencer sulla rete e loro si sentono a loro agio nell’usare il tuo hashtag, sei più che a metà strada. Facendoti usare da queste persone, hai più possibilità di far interessare il tuo pubblico di riferimento all’argomento.

Di marca o senza marca?

Questo è un argomento che non ha definito un terreno comune. Ci sono persone che usano il loro marchio e ci sono aziende che scelgono di rimuoverlo dagli hashtag. La maggior parte delle grandi marche come Kit Kat e Coca Cola non usano il loro marchio, ma cercano di mettere qualcosa che aiuti a catturare il concetto come l’identità o l’immagine come per esempio “#haveAbreak” di Kit Kat.

Come funziona l’hashtag sui diversi social network?

Anche se è stato creato su Twitter, ora è usato su altri social network. È importante ricercare a fondo ogni social network per capire come si comportano le persone e come usano gli hashtag per generare il maggior coinvolgimento possibile.

Ci sono diverse reti sociali che usano gli hashtag, per esempio: Facebook, LinkedIn, Instagram, Google+, Pinterest e Vine. Ma il comportamento degli utenti è molto diverso e unico su ciascuno di essi.

Per esempio, su Twitter, le persone tendono a usare solo uno o due hashtag nei loro post, proprio perché è una piattaforma di microblogging dove i caratteri sono limitati. Su Instagram, invece, le persone usano in media 4 o più hashtag.

Al di là della differenza nel numero di hashtag utilizzati, ogni rete sociale ha le sue particolarità e specifiche. Pertanto, può essere una parola chiave che ha successo su Twitter, ma questo non significa che avrà lo stesso successo su Facebook.

Scopri di più sugli hashtag sui seguenti social network:

Come creare hashtag per Instagram

Le immagini su Instagram sono più interessanti per il pubblico quando hanno degli hashtag. Senza dubbio, è un modo intelligente per far sì che più persone condividano le tue foto e guadagnare più follower.

In questo modo, si capisce che gli hashtag su Instagram sono perfetti per gli utenti per scoprire contenuti e nuovi account da seguire.

Quando si tratta di creare hashtag per questo social network, è essenziale che siano super specifici e legati al soggetto dell’immagine. Inoltre, è interessante adottare hashtag con localizzazione e aggiornare costantemente la scelta di questi hashtag.

Altri punti da considerare quando si creano gli hashtag e i testi, è che questi riferimenti devono essere inclusi nella pubblicazione prima di cliccare su “pubblica” il contenuto.

È importante controllare gli hashtag dei concorrenti 

e delle persone o aziende famose, considerare l’uso di hashtag simili e usare il motore di ricerca di Instagram.

Per saperne di più su Instagram Marketing

Come creare hashtag per Facebook

Quando si tratta di creare hashtag per Facebook, è importante considerare di renderli strategici. Un’alternativa intelligente è quella di usare termini specifici in tutti i post pubblici. Un altro punto importante è che ogni hashtag su Facebook ha un proprio URL.

Anche se gli hashtag non funzionano sui telefoni cellulari, possono essere considerati dai computer. Quindi, è importante includerli anche se i post sono fatti da un telefono cellulare.

Per generare un hashtag di successo, è importante pensare al mercato e al pubblico di riferimento. A questo proposito, è importante utilizzare argomenti di tendenza relativi al settore in cui si opera.

Anche la leggibilità dovrebbe essere considerata, quindi è importante che ogni parola in un hashtag sia maiuscola.

Anche se si usano gli hashtag, è possibile controllare la privacy dei post e renderli accessibili solo al pubblico previsto.

Come creare hashtag per Twitter

Su Twitter, è importante usare hashtag facili da digerire e preferibilmente brevi. Questo è un buon modo per attirare l’attenzione sui tuoi post.

Un consiglio fondamentale è quello di non utilizzare hashtag di marche conosciute, è importante generare un posizionamento con il termine in base al tuo marchio specifico. Cioè, i consumatori vedono l’hashtag e lo associano al marchio dell’azienda.

Un’altra questione importante è essere interessanti in modo che le persone che non ti seguono ancora, ma che conoscono l’hashtag e il suo contenuto, si sentano a proprio agio per iniziare una relazione con il tuo marchio.

Un hashtag di successo può essere usato sia all’interno che all’esterno dell’universo virtuale, così come è una buona idea metterlo sulle pubblicità o altri materiali stampati.

Molte persone credono che usando più hashtag un marchio può avere più visibilità sul mercato. Ma questo è un errore, perché svilupperete un “conflitto di hashtag”.

Spieghiamo: Quando vogliamo catturare o fidelizzare il pubblico di un marchio, è importante che il marchio sia collegato in qualche modo. È meglio avere un hashtag conosciuto e riconosciuto come appartenente al tuo marchio che un mucchio di hashtag scollegati e persi nel web.

Per padroneggiare questo social network, controlla l’ebook che abbiamo su Twitter Marketing.

Come monitorare gli hashtag sui social network

È comune pensare che il compito sia finito dopo aver selezionato il pulsante di pubblicazione, questo non è il caso. Tenere traccia di ciò che sta accadendo con ogni hashtag è essenziale per le aziende.

Per accompagnare gli hashtag di un marchio, è essenziale controllare come la gente si riferisce al marchio sui social media.

In questo modo, è possibile capire cosa la gente sta parlando o osservando del marchio e la qualità del marchio.

Questo metodo è anche interessante per scoprire quali hashtag specifici vengono utilizzati quando le persone menzionano il tuo marchio sui social media.

Anche il mondo offline presta attenzione ai vostri hashtag, quindi è importante tenerne conto. A tal fine, è bene iniziare a pensare a modi per utilizzare gli hashtag per accompagnare promozioni radiofoniche, eventi, spot e attività offline.

Un’idea interessante è quella di utilizzare un hashtag su tutti i materiali di marketing distribuiti in campagne specifiche.

Oltre alle tecniche di cui sopra, è possibile monitorare gli hashtag controllando le chiacchiere sui social media in tempo reale, tracciare le prestazioni delle pubblicità a pagamento e considerare i risultati dei concorsi di hashtag tenuti su reti come Instagram.

Quindi, ora che sai come usare gli hashtag e cosa devi fare per coinvolgere il pubblico del tuo marchio, sei pronto a ottenere i migliori risultati sui social media?

Usa l’hashtag #contentmarketing #mistersito e condividi le tue esperienze e conoscenze sull’argomento.

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Lascia un commento

Correlati

Carlo Alberto Bello

Consulente SEO dal 2012. Aiuto aziende e professionisti a promuovere i loro prodotti e servizi su Google, Bing e altri motori di ricerca, utilizzando le migliori strategie della Link Building.