Cos’è il click baiting e come evitarlo quando si naviga su Internet?

Cos'è il click baiting
Aggiornato il 19 Febbraio 2022

Quante volte ti è capitato di vedere un titolo che ha catturato la tua attenzione e ci hai cliccato sopra? Ora rispondi: quante volte hai trovato quello che ti aspettavi veramente? Hai provato una profonda delusione, persino rabbia, dopo aver visto ancora una volta che sei stato ingannato?

Se la risposta a queste domande è sì, allora sei caduto in una delle trappole più ricorrenti sul web oggi: il clickbait. Per analizzare cos’è, come funziona e come evitarlo in futuro, sveleremo questo concetto in questo articolo.

Cos’è il clickbaiting?

Il termine click baiting significa “click bait” o “link baiting”. Il clickbaiting è una tecnica di scrittura che utilizza titoli succosi, totalmente fuori tema e sensazionalistici per catturare l’attenzione degli utenti di internet, con particolare attenzione ai social media, in modo che clicchino e leggano gli articoli pubblicati.

Questa pratica è comune nel giornalismo online, nei blog, siti di notizie o riviste online che mirano solo ad aumentare il numero di clic su ogni articolo per aumentare di conseguenza il traffico verso il sito web.

In breve, lo scopo dell’uso di titoli clickbaiting è quello di manipolare l’utente (attraverso la sua curiosità) ad accedere a un dato articolo e leggerlo o rimanerci per un tempo minimo al fine di generare entrate pubblicitarie, che è il vero obiettivo.

Come viene messo in pratica il clickbaiting su Internet

clickbaiting

Ora che sai cosa significa clickbaiting, vediamo come scrivere un titolo succoso per il tuo contenuto.

Come abbiamo detto prima, tutto inizia con “inventare” o “essere creativi” quando si scrive questo tipo di titolo esagerato o sensazionalista per suscitare la curiosità dell’utente.

Se questo viene raggiunto, il passo successivo nella catena è che il lettore sia tentato di verificare che l’esca sia ben lanciata, accedendo alla storia completa. Nel processo, si offrono abbastanza informazioni o dati chiave per suscitare la curiosità del lettore, ma con il gancio necessario per cliccare per leggere l’articolo.

Tuttavia, se hai già subito le conseguenze in più di un’occasione, puoi considerarti un esperto in materia. Sapete fin troppo bene che i siti web e i social network che usano il clickbaiting usano sempre gli stessi slogan, tesi polemiche e polarizzanti e argomenti generali per generare un dibattito immediato. Questi titoli sono spesso sulla falsariga di:

  • Questa storia è sconvolgente!
  • Quello che accadrà dopo vi scioccherà….
  • Non crederete a quello che è successo nel video qui sotto!
  • Prima era una donna normale, ma ora guarda come è cambiata…
  • Il prima e il dopo…

Sembra facile, vero. Tuttavia, a lungo termine può avere effetti negativi per il nostro progetto. Ma perché il clickbaiting è un male? Fondamentalmente perché l’utente può sentirsi ingannato, il che implica un alto tasso di rimbalzo e una cattiva reputazione per il media o il portale che pubblica la notizia.

Meccanica del clickbaiting: come funziona?

Con tutto quello che si sa, come è possibile che ci siano ancora persone che cadono nelle grinfie del clickbaiting e che cliccano su questo tipo di titoli? Ecco un indizio: la curiosità ha ucciso il gatto.

Le aziende assumono persone specializzate nel trovare il modo di scrivere testi che tengano agganciate le persone, che continuino a stuzzicare la curiosità dell’utente per scoprire come finisce una storia che inizialmente promette di essere unica.

Per fare questo, di solito seguono questi trucchi:

  1. Linguaggio con incertezza, per generare abbastanza dubbi affinché l’utente clicchi per risolvere il mistero nascosto.
  2. Creare elenchi numerici: gli elenchi comportano un sacco di attenzione, perché tutti vogliamo sapere almeno chi è il migliore in qualche attività e perché.
  3. Usa gli imperativi (“guarda”, “leggi”, ecc.) come chiave per innescare la curiosità.
  4. Scrivi un titolo partendo dalla fine e sfida il lettore a verificare ciò che viene detto.

Come possiamo usare il clickbaiting in modo accettabile?

Il dibattito è in corso. Il clickbaiting può provocare un rifiuto significativo nell’utente.

In realtà, molte persone sono già stanche di questa tecnica perché ci sono molte pagine e profili di social network che continuano a sfruttare il clickbaiting per fare soldi a costo di essere aspramente criticati.

D’altra parte, c’è un ronzio positivo intorno al clickbaiting perché lo vedono come un nuovo fenomeno che fa parte del marketing come lo conosciamo oggi.

Il più delle volte, la gente pensa a questi titoli progettati per attirare l’attenzione dell’utente come a qualcosa di negativo, tipico di chi vuole solo fare soldi a spese degli altri e del click like water di maggio, senza pensare alla qualità del proprio sito web o alla qualità delle proprie pubblicazioni.

Trucchi per essere creativi senza cadere in tentazioni negative

La prima cosa è mantenere la qualità del tuo blog. Senza di essa, non c’è nessun trucco efficace che possa funzionare per voi.

Se non sei in grado di continuare a scrivere contenuti che portano qualcosa di diverso ai tuoi utenti, non ha molto senso cercare di ottenere più traffico usando il clickbaiting in modo leggero.

Una volta che continuate con questa dinamica, potete approfittare dell’uso di questo tipo di titoli per attirare un pubblico che non visita frequentemente il vostro sito web e che potrebbe essere deliziato da tutto ciò che gli offrite.

Per farlo, fate attenzione ai seguenti consigli:

  1. Introdurre alcune immagini nei tuoi articoli che contengono link al tuo sito web, in modo che i tuoi visitatori continuino a vedere il tuo sito web, ma assicurati che quei link siano ad altri articoli con contenuti correlati o pertinenti, per aumentare la frequenza di rimbalzo a causa della scarsa qualità.
  2. Fai pensare il tuo pubblico, e stravolgi il tuo vocabolario per usare espressioni che siano umoristiche, ma non usare battute o umorismo da quattro soldi. Cerca di esprimerti con un umorismo intelligente.
  3. Cercate, per quanto possibile, di non usare troppo titoli altamente infiammatori come “La guida definitiva a” o “Il tutorial che vi aiuterà in tutto”. Sappiamo che tutti lo fanno ed è la cosa più facile da fare, ma la chiave è nel mix.
  4. Il contenuto, anche se sai che scrivi su uno o pochi argomenti molto specifici, deve essere vario per non uccidere le tue possibilità di crescita. Puoi usare i giorni in cui sei più ispirato per scrivere diversi articoli su diversi argomenti e poi programmare le pubblicazioni, in modo da non iniziare a scrivere un giorno e la qualità del tuo testo è ben al di sotto della media.

Risultati chiave sul click baiting

Il click baiting, purtroppo per molti, è qui per rimanere come tecnica di marketing online.

Al giorno d’oggi, il sensazionalismo copre praticamente tutto, la necessità di fare soldi facili per giustificare il mantenimento di molti siti web fa sì che si trascuri la qualità, optando per l’immediatezza e per contenuti che a volte arrivano al punto di demagogia.

Attirare l’attenzione non è tutto. Né vale la pena di approfittare della curiosità per vincere una gara fittizia, perché su Internet c’è posto per tutti.

Fortunatamente, gli utenti stanno diventando sempre più consapevoli e stanno imparando a distinguere il buono dal cattivo. È qui che vogliamo aiutare con questo articolo, per dare indizi per evitare di entrare in quei siti irrilevanti e, perché no, sapere come approfittare del click baiting per farlo in un modo che sia una situazione vantaggiosa per tutti.

Tags
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Lascia un commento

Carlo Alberto Bello

Consulente SEO dal 2012. Aiuto aziende e professionisti a promuovere i loro prodotti e servizi su Google, Bing e altri motori di ricerca, utilizzando le migliori strategie della Link Building.