Pubblicità sui social media come scegliere la piattaforma giusta?

Aggiornato il 15 Gennaio 2022
Pubblicità sui social media
Tabella dei Contenuti
Condividi il post
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Tra i continui adeguamenti degli algoritmi dei social media e delle classifiche dei motori di ricerca, può sembrare quasi impossibile far notare i tuoi contenuti. Mentre la ricerca organica è l’opzione gratuita e forse più comoda, le possibilità di diventare virali senza mettere soldi sul tavolo sono scarse.  

Sebbene i media guadagnati e posseduti abbiano il loro valore di marketing, la pubblicità sui social a pagamento è il modo più sicuro per attirare traffico e vendite sin dal primo giorno. A partire dal 2021 , il 75% della generazione Z e il 48% dei millennial prendono decisioni di acquisto influenzate dagli annunci sui social media e nel 2020 la spesa pubblicitaria sui social media in Europa è stata valutata a € 58,3 miliardi.

Che tu sia un grande o un piccolo imprenditore, la pubblicità sui social media è un must, soprattutto se vuoi distinguerti dalla massa, ottenere visualizzazioni di contenuti e aumentare le vendite. 

Che cos’è la pubblicità sui social media?

La pubblicità sui social media o il targeting sui social media sono annunci pubblicitari offerti agli utenti su piattaforme di social media.

I social network utilizzano le informazioni dell’utente per servire annunci pubblicitari altamente pertinenti basati sulle interazioni all’interno di una piattaforma specifica. In molti casi, quando il mercato di riferimento si allinea con i dati demografici degli utenti di una piattaforma social, la pubblicità sociale può fornire enormi aumenti delle conversioni e delle vendite con costi di acquisizione inferiori.

In questo post del blog, tratteremo tutti i dettagli della pubblicità sui social media, dalla gestione di una campagna ai diversi tipi di annunci, oltre a esempi pratici di come metterli in pratica. 

Come gestire la tua campagna pubblicitaria sui social media

1. Esegui manualmente le tue campagne pubblicitarie.

Dei tre modi per gestire una campagna, eseguirla manualmente sarà l’opzione più economica e la più semplice. Tutto quello che devi fare è scegliere una piattaforma pubblicitaria e impostare la tua campagna. 

Professionisti 

L’esecuzione manuale di una campagna pubblicitaria ti dà la libertà di investire il 100% del tuo budget per testare gli annunci e trovare quelli migliori, piuttosto che spendere soldi extra per strumenti di gestione degli annunci o commissioni di agenzia. 

Inoltre, prendere in carico le tue campagne ti consentirà inevitabilmente di sviluppare un occhio per la pubblicità in modo da poter imparare e migliorare le tue campagne in futuro. Invece di lasciare che qualcun altro faccia il lavoro, puoi diventare tu stesso un esperto ed essere in grado di parlare la lingua, anche se finisci per assumere inserzionisti esterni lungo la strada.

contro 

Naturalmente, diventare un esperto di pubblicità richiede tempo e impegno, il che significa che più tempo investi in pubblicità è tempo perso in altre aree della tua attività. Soprattutto se sei un imprenditore, passare ore e ore a padroneggiare la pubblicità potrebbe non essere favorevole a un programma di lavoro intenso.

E solo perché investi molto tempo per diventare un esperto di pubblicità non significa che i tuoi annunci avranno successo. Soprattutto se stai appena entrando nel mondo della pubblicità, può essere un azzardo investire tutto quel tempo e rischiare di non ottenere i risultati desiderati. 

Per chi è l’ideale 

Se stai operando con un budget limitato e semplicemente non hai i mezzi per assumere un’agenzia pubblicitaria, eseguire manualmente le tue campagne è la soluzione migliore, ma a meno che tu non sia già un inserzionista esperto, devi essere disposto a partecipare il tempo e la fatica per imparare. 

Tuttavia, se non hai i soldi o il tempo, c’è una seconda opzione che potrebbe essere più adatta.

2. Esegui le tue campagne pubblicitarie tramite un software automatizzato.

Considerando che la spesa pubblicitaria sui social media dovrebbe raggiungere i 153.974 milioni di Euro nel 2021, non c’è da stupirsi che ci sia una miriade di strumenti di terze parti per aiutarti a gestire le tue campagne. 

Professionisti 

A volte i gestori di annunci in loco non sono i più facili da usare, ma strumenti di terze parti come Ad Espresso o Revealbot possono rendere l’ottimizzazione delle campagne pubblicitarie di Facebook e l’analisi dei risultati molto più semplice rispetto all’utilizzo di Ad Manager di Facebook.

Oppure puoi persino utilizzare strumenti automatizzati come Adext , che utilizza l’intelligenza artificiale per gestire l’intera campagna. In questo modo puoi concentrarti su altre aree della tua attività mentre la piattaforma fa il resto.    

Con così tanti strumenti sul mercato, sarai in grado di risparmiare tempo, ottimizzare le campagne e assicurarti che i loro soldi vadano verso annunci che si trasformeranno effettivamente in vendite.

Contro 

Sebbene gli strumenti di terze parti siano spesso relativamente convenienti, rappresentano comunque un costo aggiuntivo da considerare. 

E proprio come l’esecuzione manuale della tua campagna pubblicitaria, il software automatizzato rappresenta ancora il rischio di spendere soldi ma di non ottenere i risultati desiderati. Inoltre, dal momento che non stai controllando l’intero processo della campagna, potrebbe essere più difficile identificare dove il gestore degli annunci non è all’altezza.   

Per chi è l’ideale 

Per i commercianti che stanno lavorando con un budget limitato ma non hanno nemmeno il tempo di investire nella gestione delle proprie campagne, l’utilizzo di strumenti di terze parti è il mezzo felice.  

La creazione di una campagna di successo è sicuramente realizzabile con software automatizzato e tempo investito minimo, e per gli imprenditori con risorse limitate, questa è probabilmente l’opzione migliore. Tuttavia, per coloro che hanno il budget e desiderano la migliore campagna pubblicitaria possibile, l’opzione più semplice è rivolgersi ai professionisti. 

3. Assumi un servizio gestito per eseguire le tue campagne pubblicitarie.

Sebbene quest’ultima opzione sia spesso la più costosa, è anche la più semplice e probabilmente raccoglierà i maggiori benefici. Piuttosto che affidarsi alla propria esperienza o a un software automatizzato, assumere un professionista è l’opzione più affidabile per ottenere i risultati desiderati. 

Professionisti 

Naturalmente, il vantaggio più evidente dell’assunzione di un professionista pubblicitario è che sanno cosa stanno facendo: è il loro lavoro. Di conseguenza, le possibilità di ottenere i risultati desiderati sono molto più elevate. 

Inoltre, l’assunzione di un servizio gestito significa che non c’è lavoro da parte tua, quindi puoi investire tempo ed energia in altre aree della tua attività che necessitano di maggiore attenzione. 

Quindi, anche se dovresti pagare una commissione e una spesa pubblicitaria, la speranza è che la tua pubblicità si trasformi in vendite coerenti e ti mantenga positivo.  

contro 

L’unico aspetto negativo dell’assunzione di un’agenzia pubblicitaria è che se non assumi una buona agenzia pubblicitaria, potresti finire per sprecare un sacco di soldi. 

Sfortunatamente, alcune agenzie sono solo esperti autoproclamati che inducono i clienti a sprecare i loro soldi, quindi assicurati di fare le tue ricerche e di assumere solo professionisti affidabili.  

Per chi è l’ideale 

Per coloro che hanno il budget da spendere e sono desiderosi di vendite immediate, assumere un servizio gestito è la soluzione più ideale. E poiché la pubblicità sui social media è facilmente misurabile, se i tuoi annunci non sono all’altezza dei tuoi standard, allora sai esattamente chi è il responsabile e puoi sempre assumere un’agenzia nuova e migliore.  

5 passaggi per costruire una strategia pubblicitaria sui social media creativa

1. Determina cosa vendere.

Se la tua attività di e-commerce produce e vende solo un prodotto, o se hai già un bestseller ovvio, puoi saltare questo passaggio.

Tuttavia, se la tua azienda ha un catalogo di prodotti più ampio, dovrai identificare quali dei tuoi prodotti sono più preziosi e quindi dovrebbero essere al centro delle tue iniziative pubblicitarie. 

Di seguito è riportato un diagramma utile che può aiutarti a calcolare il tuo profitto lordo per SKU per determinare quale dei tuoi prodotti ha il valore più alto.

Diagramma

Dopo aver calcolato il valore di ciascuno dei tuoi prodotti, puoi determinare quali stanno generando profitti elevati ma sono sottorappresentati nell’account pubblicitario e regolarti di conseguenza. Sebbene tu possa creare una buona pubblicità per un prodotto di vendita media, la presentazione di un prodotto più venduto comporterà probabilmente più conversioni e vendite.

2. Ricerca il tuo pubblico.

In definitiva, il cliente non sta solo acquistando il prodotto fisico in sé, ma soprattutto, ciò che il prodotto può fare per lui. In effetti, Common Thread Collective identifica tre livelli di problemi di prodotto: 

  1. Fisico : il prodotto stesso.
  2. Funzionale : cosa fa il prodotto per il cliente.
  3. Identità : come il prodotto fa sentire il cliente.

Pertanto, prima di provare a vendere al tuo pubblico, devi prima capire chi sono e cosa vogliono. Ma conoscere lo scopo funzionale del tuo prodotto e ciò che i tuoi clienti vogliono effettivamente non è sempre in bianco e nero.

Ecco alcuni suggerimenti per aiutare a rispondere a queste domande. 

Per prima cosa, leggi le recensioni! Che siano positive o negative, le recensioni dei clienti sono preziose informazioni su ciò che vogliono i tuoi clienti e su come vedono effettivamente il tuo prodotto. Queste recensioni possono provenire dal tuo negozio online, blog, video di YouTube o post di Reddit. 

Prenditi del tempo per leggerli: ti assicureranno che la tua attività è sulla strada giusta o ti forniranno informazioni su come cambiare direzione.   

In secondo luogo, utilizza Google Trends e le ricerche di parole chiave per aiutare a capire come i clienti pensano a prodotti e/o argomenti diversi. 

Tutto quello che devi fare è digitare una parola o una frase e la sezione “Query correlate” evidenzierà quali regioni hanno il volume di ricerca più alto per quel termine, nonché argomenti e query correlati, che aprono strade che potrebbero avere il potenziale per i tuoi affari.  

Infine, cerca hashtag correlati sui social network del tuo marchio: questa potrebbe essere una grande opportunità per trovare una ricerca organica per i tuoi prodotti. 

 3. Usa una piattaforma creativa.

Mentre la genesi dei social media ha aperto le porte a tante nuove opportunità per la pubblicità digitale, devi affrontare il fatto che tutte le piattaforme social hanno i loro limiti. Instagram, Snapchat, Facebook: tutti. 

Ma ciò non significa che non puoi ancora essere creativo entro questi limiti. C’è un mondo di possibilità per la pubblicità sui social media, ma, ovviamente, le piattaforme social sono molto diverse dalla televisione e dalle riviste, quindi dovrai tenere a mente alcune limitazioni. 

Hai meno tempo per attirare l’attenzione del pubblico.

In un mondo di video a scorrimento infinito e brevi formati, non sorprende che gli utenti di Facebook trascorrano, in media, solo 1,7 secondi con un contenuto mobile. 

Pertanto, gli esperti di marketing hanno sempre meno tempo per catturare l’attenzione dei clienti prima che finiscano per passare alla cosa successiva. E il modo per farlo è rifiutare l’arco narrativo tradizionale della TV – azione crescente, climax, azione decrescente – e invece abbracciare un arco narrativo emergente, che inizia con il climax. In questo modo, i tuoi annunci possono attirare i clienti fin dall’inizio e guidarli senza interruzioni a un invito all’azione. 

Il tuo prodotto dovrebbe essere la star dello spettacolo. 

Sebbene ci sia valore nella fotografia e negli annunci di prodotti lifestyle, alla fine della giornata, l’obiettivo è vendere un prodotto, quindi dovrebbe essere il tuo punto focale principale. Non concentrarti troppo sulle modelle, sugli attori o su tutta la confusione che va nella creazione di annunci pubblicitari, concentrati invece sull’acquisizione del prodotto stesso e permettendogli di brillare da solo.

Crea annunci per dispositivi mobili. 

Considerando che oltre il 98% degli utenti di Facebook accede all’app tramite un dispositivo mobile , è fondamentale che le tue inserzioni non siano realizzate solo per adattarsi a uno schermo TV o desktop 16 x 9, ma devono anche essere adattate per l’uso mobile. 

Non solo i tuoi annunci dovrebbero adattarsi fisicamente allo schermo di un dispositivo mobile, ma devono anche essere progettati pensando all’utente mobile. Ciò significa branding leggibile, testo ampio e chiaro, grafica accattivante e interattività ove possibile. 

4. Crea una campagna di marketing digitale.

Ora che conosci il tuo prodotto, pubblico e piattaforma, è il momento di iniziare a mettere in atto i pezzi. 

Non sai da dove iniziare? Ecco quattro passaggi per iniziare a costruire una campagna di marketing digitale di successo.

Definisci i tuoi obiettivi.

Sebbene possa essere un primo passo ovvio, stabilire obiettivi chiari e raggiungibili è una base vitale per creare una campagna di successo. Può essere facile lanciarsi in una campagna con molta visione e ambizione, ma se non hai un approccio mirato, queste ambizioni potrebbero non essere all’altezza. Che si tratti di consapevolezza del marchio, più follower sui social media o un posizionamento SEO più elevato, assicurati di avere in mente un obiettivo definibile che possa guidarti nelle tue decisioni durante tutto il processo. 

Identifica il tuo pubblico di destinazione.

Anche se abbiamo già accennato a questo, vale la pena ripetere: conosci il tuo pubblico! Più capisci chi sono i tuoi clienti e cosa vogliono, meglio sarai in grado di perfezionare la tua pubblicità per soddisfare al meglio le loro esigenze. 

Crea personaggi dei clienti.

Questo va di pari passo con il passaggio precedente, ma qui è dove andrai un po’ più in profondità. Una persona del cliente è una descrizione dettagliata del tuo cliente target, che mette in evidenza i suoi dati demografici come età, posizione, occupazione, reddito e altri dettagli che possono influenzare il modo in cui prendono le decisioni di acquisto. 

Determina il tuo budget. 

Anche se questa potrebbe non essere la parte più divertente, valutare il tuo budget è la chiave per determinare quali sono i tuoi limiti e come dovresti allocare le tue risorse. Fortunatamente, il social media marketing è generalmente meno costoso del marketing tradizionale, quindi i tuoi investimenti nel digitale spesso ti daranno più soldi per i tuoi soldi.

5. Migliora le tue prestazioni.

Il ritorno sulla spesa pubblicitaria (ROAS) può farti capire se i tuoi annunci stanno funzionando, ma non possono dirti perché se non lo sono. 

Alla fine, l’obiettivo della pubblicità sui social media è aumentare il traffico e aumentare le vendite. Ma prima che un cliente prema il pulsante “Completa l’acquisto”, ci sono diversi passaggi che devono attraversare per arrivarci e, come marketer, è tuo compito assicurarti che lo facciano.

Per aiutare a capire come i clienti sperimentano annunci e contenuti, puoi utilizzare il sistema AIDA, che sta per attenzione, interesse, desiderio e azione.

Sistema AIDA

Progettato nel 1898 dal dirigente pubblicitario E. St. Elmo Lewis, AIDA è un modello comportamentale che mette in evidenza i quattro effetti che un annuncio dovrebbe produrre in un cliente. Di seguito è riportato un fantastico visual che descrive in dettaglio ciascuno di questi effetti e come appaiono in pratica. 

Tipi di social media marketing 

Sono finiti i giorni in cui i cartelloni pubblicitari e le riviste erano gli unici mezzi pubblicitari. Con la crescita del mondo dei contenuti e del marketing digitale, c’è un buffet di opzioni pubblicitarie tra cui scegliere, ognuna con i propri punti di forza e limiti unici. Qui evidenzieremo alcuni dei tipi più comuni di annunci e come possono aggiungere valore alla tua campagna.  

1. Annunci fotografici. 

Probabilmente il tipo più familiare di annuncio, vedrai spesso annunci fotografici disseminati su feed di notizie, barre laterali e banner. Sono un po’ più semplici da creare rispetto ad altri annunci come video e storie, ma dovrai assicurarti che le tue foto siano di alta qualità. Ad esempio, MISTERSITO consiglia 1080 × 1080 pixel per le immagini di Instagram e gli annunci carosello.

Gli annunci fotografici sono ottimi per aumentare la consapevolezza del marchio, poiché mettono il tuo prodotto proprio di fronte al cliente. Assicurati solo che le tue immagini siano coerenti nello stile con i tuoi post e storie in modo che gli utenti associno immediatamente l’annuncio al tuo marchio.

E, naturalmente, gli annunci fotografici sono efficaci nel portare traffico al tuo sito web. In effetti, uno studio di Facebook ha rilevato che una serie di annunci di sole foto ha superato gli altri formati di annunci nel portare traffico unico. 

A differenza dei post organici, gli annunci fotografici possono includere un pulsante di invito all’azione come “Acquista ora” o “Scarica”, che aiuta a creare un’esperienza di acquisto senza interruzioni per il cliente.  

2. Annunci video. 

Secondo Vidyard , oltre la metà di tutti gli utenti dei social media guarderà un video completo se dura meno di un minuto e più lungo è il video, minore diventa questa percentuale.

Percentuale grafico

Ciò significa che hai solo un breve lasso di tempo per catturare un utente e tenerlo agganciato. Fortunatamente, piattaforme come Instagram e Facebook ti consentono di creare annunci video brevi e in loop che gli utenti possono visualizzare e interagire rapidamente mentre scorrono il loro feed.

Tuttavia, se hai un messaggio convincente e le risorse per farlo, puoi anche optare per contenuti video più lunghi, come questo video di Cordova Outdoor s .  

3. Annunci di storie. 

Secondo uno studio di Instagram Business , metà degli utenti intervistati ha dichiarato di aver visitato un sito Web per acquistare un prodotto o servizio dopo averlo visualizzato su un annuncio di Stories. E considerando che Instagram ha 1 miliardo di utenti attivi, questa è una grande opportunità per far conoscere il tuo marchio.  

Se stai facendo pubblicità sulle storie di Facebook, una foto può essere visualizzata per sei secondi, mentre un video può essere riprodotto per un massimo di 15 secondi. D’altra parte, gli annunci di Instagram Stories possono durare fino a 120 secondi, indipendentemente dal fatto che tu stia utilizzando foto o video. Su entrambe le piattaforme, gli annunci delle storie vengono visualizzati in formato a schermo intero, consentendo al tuo prodotto di essere completamente a fuoco fintanto che hai l’attenzione del tuo cliente. 

4. Annunci di Messenger.

No, gli annunci sui social media non devono apparire solo nel feed di notizie di un utente! Gli annunci di Facebook Messenger, a differenza degli annunci di foto, video e Storia, vengono visualizzati tra le conversazioni nella scheda Chat di un utente in Messenger. I potenziali clienti possono fare clic sull’annuncio per avviare una conversazione automatizzata tramite Messenger, oppure l’annuncio può collegarli al tuo sito Web per sfogliare i prodotti.

Esempi di piattaforme di social media 

Quando decidi dove posizionare i tuoi annunci, tieni presente che ogni sito di social media ha il suo pubblico unico, quindi scopri dove sono i tuoi clienti ideali e incontrali lì. Se il tuo pubblico di destinazione è nella fascia di età dai 60 anni in su, una piattaforma social come TikTok probabilmente non è la tua opzione migliore, ma forse Facebook lo è. 

E se il tuo marchio è già attivo sui social media, scopri quali piattaforme stanno già ottenendo buoni risultati in modo organico: questo potrebbe essere un buon indicatore di dove dovresti indirizzare i tuoi sforzi pubblicitari. 

Piattaforme social
Piattaforme social

1. Facebook. 

Essendo la più grande piattaforma di social media al mondo , è sicuro affermare che Facebook è una scelta affidabile quando si decide dove fare pubblicità. Facebook è popolare tra un’ampia varietà di dati demografici, inclusi sesso ed età (mostrato in un rapporto di seguito da Hootsuite), il che significa che ci sono buone probabilità che anche il tuo pubblico di destinazione interagisca con la piattaforma.

Oltre a consentire agli utenti di Facebook di connettersi tra loro e condividere contenuti online, la piattaforma offre anche ai commercianti l’opportunità di pubblicizzare i propri prodotti e servizi online. Tra una lunga lista di vantaggi, questi sono alcuni modi in cui gli annunci di Facebook possono aiutarti a raggiungere gli obiettivi della campagna:

  • Costruisci la consapevolezza del marchio : aumenta la tua portata e mostra i tuoi prodotti a potenziali clienti.
  • Considerazione : indirizzare il traffico al tuo sito web, sfruttare la generazione di lead tramite e-mail di attivazione, post di blog e contenuti e raggiungere potenziali clienti tramite Messenger.
  • Conversione : imposta un negozio Facebook per offrire ai clienti un’esperienza di acquisto più fluida, indirizzare il traffico verso i tuoi negozi online e fisici e aumentare i tassi di conversione. 

Inoltre, la pubblicità su Facebook consente ai commercianti di indirizzare i clienti per posizione (entro un raggio di 5 miglia), occupazione, interessi, attività passate e molti altri preziosi punti dati.

Il prezzo delle inserzioni di Facebook varia in base a diversi fattori, tra cui il pubblico che stai cercando di raggiungere e il budget che imposti per le tue inserzioni. Tuttavia, come regola generale, maggiore è la spesa pubblicitaria, più efficiente diventa l’algoritmo di Facebook nello spendere i tuoi soldi e aumentare le prestazioni degli annunci nel tempo.

2. Instagram.

Noto per le sue foto e video patinati, Instagram è una piattaforma ideale per i marchi con prodotti visivamente accattivanti e facilmente incorporabili nei media visivi. 

Inoltre, con un tasso di coinvolgimento superiore del 58% rispetto a quello di Facebook e del 2.000% superiore a quello di Twitter nel 2016, Instagram detiene un’enorme base di utenti, sebbene sia in gran parte più giovane di altre piattaforme pubblicitarie.

Quindi, se la tua azienda e il tuo pubblico di destinazione soddisfano entrambe queste caratteristiche, la pubblicità su Instagram potrebbe essere l’opzione migliore per te. 

Social media

Sebbene i post e le storie organici possano essere ottimi modi per aumentare il traffico sul tuo sito Web, gli annunci di Instagram possono essere collegati direttamente alla pagina del tuo prodotto o a un’altra pagina di destinazione, consentendo un coinvolgimento rapido e semplice con i tuoi prodotti.   

3. Twitter. 

Come piattaforma di riferimento per scoprire le ultime notizie e interagire con influencer di piccoli e grandi nomi, Twitter è stato uno dei canali di social media più popolari sin dal suo lancio nel 2006. 

La pubblicità su Twitter offre ai marchi due opzioni per creare annunci:

  1. Promuovi rapidamente : Twitter promuove automaticamente i Tweet al tuo pubblico di destinazione. Tutto quello che devi fare è scegliere un Tweet promozionale dalla tua sequenza temporale e specificare il tuo pubblico di destinazione, e Twitter farà il resto del lavoro per te.
  2. Annunci Twitter : questi annunci sono basati su obiettivi, il che significa che devi prima scegliere il tuo obiettivo aziendale preferito e Twitter ti addebiterà solo le azioni che sono in linea con il tuo obiettivo.

4. Tiktok.

Sebbene sia un giocatore relativamente nuovo nel gioco della pubblicità sociale, TikTok ha un enorme potenziale per raggiungere potenziali clienti, in particolare il pubblico più giovane. 

Secondo eMarketer , molte delle funzionalità di social commerce di TikTok si sono concentrate principalmente sugli annunci di prodotti che appaiono come video nativi sui feed “For You” degli utenti. Gli annunci sono a schermo intero e vengono visualizzati per nove secondi, proprio come un post organico di TikTok. Sotto ogni annuncio, gli utenti possono toccare il pulsante “Acquista ora”, che li porta direttamente al sito di e-commerce del commerciante per completare il pagamento. 

Oltre agli annunci in-feed, altre opzioni pubblicitarie su TikTok includono Brand Takeover, il che significa che il tuo annuncio verrà visualizzato non appena un utente apre l’app, o una Branded Hashtag Challenge, che incoraggia i contenuti generati dagli utenti attraverso hashtag di tendenza e video divertenti sfide, come una danza popolare o un filtro creativo.  

5. Pinterest.

Come Instagram, Pinterest è una piattaforma altamente visiva, decorata con foto di matrimoni stravaganti, video di cucina e bobine di moda. Ma detto questo, Pinterest è in gran parte rivolto alle donne con una base di utenti femminile del 71% . 

Considerando che gli utenti di Pinterest utilizzano intenzionalmente la piattaforma per trovare e acquistare prodotti, Pinterest è una delle piattaforme più ideali per la pubblicità sui social media. I pin promossi si fondono facilmente nelle bacheche di Pinterest senza distrarre gli utenti come fanno altre piattaforme. Infatti, l’ 85% dei Pinner settimanali ha effettuato un acquisto in base ai Pin che vede dai marchi.  

Particolarmente vantaggioso per i rivenditori di e-commerce, Pinterest ha un motore di ricerca altamente mirato che consente ai marchi di pubblicizzare i propri prodotti promuovendo i loro pin più performanti. 

6. Linkedin.

In quanto rete professionale più grande del mondo , LinkedIn detiene un’ampia base di utenti professionali ed è in grado di rivolgersi ai clienti in base alle qualifiche lavorative. Pertanto, la pubblicità di LinkedIn è in gran parte orientata a un pubblico aziendale.

Considerando che il 69% degli utenti di LinkedIn in Europa guadagna € 50.000 o più all’anno, questa piattaforma tende a detenere il reddito disponibile medio più alto e lead di alta qualità in alcuni settori. 

Tuttavia, a differenza della maggior parte delle altre piattaforme, che si concentrano sulla pubblicità B2C, la natura di LinkedIn lo rende più adatto alle campagne pubblicitarie B2B. Pertanto, le attività di servizi e le attività di prodotti B2B tendono a ottenere risultati migliori su LinkedIn rispetto ad altre piattaforme. 

Esistono quattro tipi di annunci LinkedIn:

  • Contenuti sponsorizzati : questi annunci, spesso tramite foto, video o caroselli, vengono visualizzati nel feed di notizie di LinkedIn per raggiungere un pubblico più ampio. 
  • Messaggistica sponsorizzata : questa è la versione di LinkedIn dell’email marketing, ma invece di inviare un messaggio alla posta in arrivo dell’utente, va alla posta in arrivo di LinkedIn, dove l’utente può quindi interagire con un chatbot o un rappresentante umano del cliente. 
  • Annunci di testo e dinamici : visibili solo agli utenti desktop, gli annunci di testo sono piccoli annunci pubblicitari visualizzati nella parte superiore dello schermo sopra il feed di notizie dell’utente.
  • Moduli Lead Gen : utilizzando moduli precompilati nei tuoi annunci LinkedIn, puoi raccogliere lead di qualità su larga scala.   

Esempi di pubblicità sui social media

Dopo aver determinato la tua piattaforma social e i tipi di annunci che desideri visualizzare, è il momento di mettere in moto le ruote pubblicitarie. Per aiutarti a iniziare, ecco cinque hack dei social media per avere più occhi sui tuoi contenuti e iniziare a trasformare gli spettatori in clienti. 

1. Targeting per pubblico.

Mirare a un pubblico significa entrare in una fascia demografica selezionata, che si tratti di età, sesso, occupazione o interesse, ma non puoi rivolgerti a tutti usando la stessa tattica. 

Usando la ricerca per parole chiave, sondando e intervistando i clienti e creando profili clienti chiari, otterrai un quadro migliore di chi è il tuo cliente e quindi sarai in grado di indirizzarli in modo più accurato.  

Non solo dovresti rivolgerti a nuovi e potenziali clienti, ma assicurati anche di retargetizzare i clienti esistenti. Ciò aiuterà a ricordare ai clienti il ​​tuo marchio anche se hanno già effettuato un acquisto ed è molto più conveniente rispetto alla pubblicità per potenziali clienti. 

2. Promuovere su piattaforme di social media.

Questo può essere ovvio, ma un aspetto chiave della pubblicità sui social media sta aumentando la tua strategia sui social media. Promuovere e riproporre i tuoi contenuti organici sui canali dei social media ti aiuterà a raccontare la storia del tuo marchio e a farlo risaltare.

3. Ricerca a pagamento e annunci sui social.

Utilizzando gli elenchi per il remarketing per gli annunci di ricerca (RLSA), puoi personalizzare i tuoi annunci di ricerca PPC in base al fatto che un cliente abbia già visitato il tuo negozio online e alle pagine che ha visualizzato. In questo modo puoi indirizzare gli utenti che hanno già familiarità con la tua attività. 

Tuttavia, puoi fare un salto di qualità combinando la ricerca a pagamento con gli annunci social per indirizzare sia coloro che conoscono che non conoscono il tuo marchio. 

Puntando prima con gli annunci social, puoi aumentare la consapevolezza del marchio e aiutare i clienti a familiarizzare con i tuoi prodotti. Quindi, quando in seguito vedranno i tuoi annunci PPC, si sentiranno più a loro agio e inclini a fare clic sul tuo sito web.  

4. Migliora il punteggio di qualità.

Il punteggio di qualità è una metrica di ranking che i motori di ricerca utilizzano per indicare la qualità delle tue parole chiave e degli annunci PPC, e quindi è un aspetto chiave della pubblicità sui social media. Più alto è il tuo punteggio di qualità, più alto sarà il ranking del tuo annuncio e più impressioni riceverà a un costo per coinvolgimento inferiore. 

Pubblicando in modo organico sulle piattaforme di social advertising e monitorando il coinvolgimento con ogni annuncio, sarai in grado di individuare quali annunci a pagamento hanno le migliori prestazioni: questi sono quelli che vuoi promuovere.    

5. Ottimizza il coinvolgimento degli utenti per la SEO.

Uno dei modi principali per portare traffico al tuo sito Web e, di conseguenza, aumentare le vendite è ottimizzare il contenuto degli annunci. Tra gli altri fattori di ranking come parole chiave, velocità della pagina e ottimizzazione per dispositivi mobili, un potenziale fattore SEO è il coinvolgimento degli utenti. Queste metriche includono la percentuale di clic (CTR), la frequenza di rimbalzo e il tasso di conversione, tra gli altri. 

Tuttavia, anche se il coinvolgimento degli utenti non è un fattore di ranking fondamentale per i motori di ricerca, CTR e tasso di conversione elevati otterranno comunque migliori classifiche di ricerca organica e più conversioni.  

Conclusione

Soprattutto nel panorama dell’e-commerce, la pubblicità sui social media è uno dei modi più efficienti ed efficaci per raggiungere il tuo pubblico di destinazione e trasformarlo in clienti. Nessun’altra via pubblicitaria può fornire gli stessi lead coerenti e scalabili della pubblicità sui social.

Poiché sempre più rivenditori si immergono nei social media, è fondamentale che tu comprenda i dettagli di questo mezzo pubblicitario e inizi a rafforzare la tua strategia. Ma con questi suggerimenti alle spalle e obiettivi perseguibili che ti guidano attraverso il processo, sarai molto più avanti della curva.   

Scrivi un commento

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Analisi seo gratuita SEO Power
Assistenza per wordpress
Assistenza WordPress attiva H24
Consulenza seo
Prima consulenza SEO gratuita
Post Popolari:
Carlo Alberto Bello

Sono Carlo Alberto Bello, consulente SEO italiano con sede a Lecce dal 2012. Aiuto aziende e professionisti a promuovere i loro prodotti e servizi su Google, Bing e altri motori di ricerca. Ho un'esperienza rilevante nella consulenza seo e Link Building.