info@mistersito.com
0832-1826118
Parola chiave

COME SCEGLIERE LE PAROLE CHIAVE PER IL SEO

keywords

Analizza la concorrenza

La scelta delle keywords per l’indicizzazione nei motori di ricerca

La parte più importante per ottimizzare il tuo sito web è la decisione su quali parole chiave (keywords) o frasi chiave concentrarsi

La scelta delle parole chiave "keywords" è fondamentale e deve tener conto di due fattori importanti:

1. La Competizione

Il termine “sito web”, per fare un esempio pratico, è uno dei termini maggiormente utilizzati sul web, quindi è estremamente difficile piazzarsi nella prima pagina dei motori di ricerca. Se si è fortunati si riesce ad arrivare tra la 10° pagina, cosa che rende quasi inutile farlo, in quanto la maggior parte degli utenti tendono a leggere i risultati della prima pagina.

Si avrà molto più successo e si riuscirà ad entrare nei primi risultati delle ricerche concentrandosi su un mercato meno ampio, utilizzando keywords meno inflazionate e per cui la competizione è meno agguerrita.

Questa scelta porta anche in sé dei benefici: più si riesce ad essere specifici sul termine associato ai contenuti che sono proposti nelle pagine del sito e più i motori di ricerca premieranno le keywords specifiche relazionandole a quella pagina.

Per analizzare quanle parola chiave "keywors" utilizzare, e calcolare le parole usate dalla concorrenza usiamo uno dei migliori deli strumenti "strumento per le parole chiave di Google Adwords"

parola chiave

2. La Diluizione

Oltre al problema della competizione, vi è quello della diluizione. Cercare la keyword “sito web” produce una serie di risultati molto variegati: ci sono persone che parlano di siti web in maniera piuttosto generica, altre che svolgono una vera e propria produzione di siti internet e altre ancora che offrono servizi relativi alla creazione di siti internet, come misterSito.com.

Quanto senso ha per un sito aziendale o personale il fatto di essere inserito in questa moltitudine di sfaccettature del suddetto termine?
Quanto contano gli occhi che vedranno il tuo link sulla pagina dei risultati delle ricerche fatte con i motori tradizionali?
Per 100 persone che vedono il tuo link e la tua descrizione, quanti entreranno effettivamente nel sito per vedere i tuoi servizi?
Alla fine sarà solo una percentuale molto ridotta di questi occhi a visitare effettivamente il sito, per questo devono essere occhi ad alto valore aggiunto.

Quando si considera il livello di diluizione che un dato sito può sopportare, bisogna anche considerare di quante visite si ha realmente bisogno.

Se sei un web designer, ad esempio, certo non ti serviranno oltre mille accessi al giorno da possibili clienti, perché non sarai mai in grado di gestire il carico di lavoro che ne deriverebbe!
E’ sicuramente meglio avere 20 visite al giorno da persone che sono quasi già convinte di utilizzare i tuoi servizi oppure che stanno cercando esattamente ciò di cui le pagine del tuo sito trattano e propongono.

Certamente è anche importante che la struttura del sito sia già predisposta per rendere ancora più efficienti gli interventi testuali effettuati.

Per esempio se hai creato un sito con misterSito.com, tutti i template ottimizzati a 1024 pixel di risoluzione e messi a disposizione per tutti gli utenti sono già predisposti per far sì che i motori di ricerca accolgano più agevolmente i contenuti inseriti nel sito, così da migliorarne l’indicizzazione e posizionamento del sito.

Molto importamte non riempire la pagina di parole chiave pu' del 5% della stessa parola chiave, il motore di ricerca si accorge che la stessa parola è stata ripetuta molte volte!

Nell’ambito della SEO rientra la selezione della parola chiave che si fa quando si decide di ottimizzare un sito per i motori di ricerca e per l’utente.
Troppo spesso capita di digitare determinate parole chiave nel motore di ricerca e ricevere risultati poco coerenti con la parola chiave digitata; questo avviene quando chi ha realizzato il sito, non ha eseguito una selezione delle parole chiave fatta bene o perché le pagine del sito non sono state ottimizzate per keyword specifiche selezionate e pensate.
È importante, nella fase di progettazione di un sito, tenere a mente il punto di vista dell’utente che digiterà delle keyword specifiche nel motore di ricerca per risolvere determinate esigenze: il risultato che deve comparire deve assolutamente essere coerente con la parola chiave digitata.
Se non è così, è evidente che c’è stato un errore nella selezione chiave fatta.


chiave

Come fare ?

Unica keyword

Ottimizzare un intero sito web per una sola parole chiave è inutile perché troppo generico. Nessun utente cercherebbe sul motore di ricerca solo ‘hotel’ o ‘ristorante’, una ricerca di questo tipo sarà più probabilmente ‘hotel a roma’ o ‘ristorante di pesce’; un utente che cerca qualcosa lo fa per rispondere a una determinata esigenza quindi difficilmente la ricerca sarà generica quondi cerchiamo 2 keywords. Ottimizzare il sito significa perciò farlo anche in base a  parole chiave selezionate, ma non generiche e uniche. Più specifiche si affiancano alla parola maggiore sarà la probabilità di intercettare le esigenze dell’utente: posizionare il sito per un’unica keyword significa impiegare risorse e sforzi enormi per ricevere in cambio una conversione minima.

Frasi troppo lunghe

Se è inutile ottimizzare un sito per una sola keyword lo stesso discorso va fatto per un’ottimizzazione per troppe keyword: troppe parole chiave accostate danno lo stesso risultato. Le parole possono assumere significati e sfumature diverse se accostate ad altre parole, è necessario capire in che modo l’utente accosti le parole per cercare quello che si sta proponendo. Per capire questo errore basta guardare quello che Google restituisce per una determinata parola chiave: se il risultato non è quello che ci si aspettava ed escono risultati per il sito ottimizzato significa che qualcosa è andato storto. Non è detto che tutti gli utenti cerchino le cose alla stessa maniera ma più si aggiungono parole che qualificano meglio la parola più sarà probabile di aver centrato la ricerca di un ipotetico utente.

Competitività

Di solito chi ha un sito web tende a voler posizionare il sito per parole chiave altamente competitive. È vero che posizionarsi per keyword molto competitive può portare enormi vantaggi ma bisogna tenere a mente che un posizionamento del genere va gestito correttamente considerando il ROI, ovvero valutando in termini puramente economici se l’investimento fatto viene ripagato dalla posizione raggiunta. Altrimenti sarà più profittevole ottimizzare il sito web per parole chiave meno competitive.

Brand unico

Del tutto scorretto ma molto frequente è la volontà di posizionare il proprio sito per query con parole chiave appartenenti ai competitor. È necessario ottimizzare il sito solo per il proprio brand. L’obiettivo è quello di vendere il proprio servizio o prodotto: se l’utente cerca un altro brand e clicca sul risultato del sito posizionato per un altro brand è molto probabile che tornerà sul sito del competitor, vanificando le intenzioni di chi ha ottimizzato per un brand diverso.

Geo-target

Se l’azienda è legata ad una regione geografica specifica si possono ottimizzare le pagine del sito indicandone la regione o la città. È inutile invece farlo se non si ha una indicazione esatta del luogo dove si vende il prodotto. I click provenienti da queste pagine non hanno senso e non porteranno nessun guadagno. Se un utente cerca un corso di inglese e vive a Roma, probabilmente vorrà fare il corso a Roma e, nella migliore delle ipotesi, vicino casa. È inutile quindi ottimizzare un contenuto che promuove un corso di inglese a Roma per query come ‘corso di inglese’, sarà invece più ragionevole farlo per ‘corso di inglese roma’ o ‘corso di inglese’ + quartiere specifico.
È bene tenere presente che l’indicazione geografica è molto importante per alcune tipologie di servizi e prodotti.