Ottimizzazione SEO on-page: guida per principianti.

  • Home / Seo / Ottimizzazione SEO on-page:…
Ottimizzazione seo one page
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

La SEO può essere una sfida, soprattutto per i neofiti.

In questa guida, esploreremo i passaggi minimi necessari per l’ottimizzazione on-page dei contenuti.

La SEO on-page è solo una parte del processo necessario a rendere il vostro sito appetibile per Google e per gli utenti. Avere più visite implica avere più possibilità di attrarre clienti e potenziali lettori e di monetizzare. Qui di seguito abbiamo approntato una guida minima rivolta ai principianti della SEO, per ottimizzare i contenuti on-page, in ambiente di lavoro WordPress e appoggiandoci al plug-in Yoast SEO, che dovrete installare. Prima di iniziare è importante che abbiate ben chiare le intenzioni di ricerca degli utenti, le keywords che volete sviluppare per singolo articolo. Ogni contenuto dovrebbe essere ottimizzato per un singolo intento di ricerca principale.

Ottimizzazione del contenuto.

Il primo punto da chiarire è che scrivendo, dovete avere in mente l’utente e non il crawler di Google. Quindi assolutamente vietato il keyword stuffing, cioè la pratica di infilare a caso moltissime keyword o anche una sola, ma in modo innaturale all’interno del testo. Cercate di mantenere una scrittura corretta, quanto più naturale possibile.

  • Titolo: il titolo dovrebbe essere l’unico h1 della pagina e dovrebbe essere above the fold. Questo vuol dire che sarà il titolo effettivo del vostro contenuto, idealmente con la parola chiave. Deve inoltre essere accattivante, ben scritto e attirare l’attenzione, oltre a non essere troppo lungo. Potete trarre alcune indicazioni con CoSchedule Head Analyzer, ma consideratele di massima: è più importante che il titolo e il testo siano adatti al vostro pubblico.
  • Corpo: usate h2, h3 etc. per i vari sottotitoli. Dividete il testo in paragrafi e usati periodi semplici, con poche subordinate. Un’idea è aggiungere dei bullet points, per attirare l’attenzione e rendere il contenuto più scorrevole e graficamente accattivante.
  • Keywords: Evitate di usare la target keywords più di 4 volte massimo all’interno del contenuto. Idealmente, andrebbe inserita nelle prime 100 parole, poi ripetuta in modo naturale all’interno dei vari paragrafi. Un’idea utile è usare dei sinonimi della stessa parola chiave, sia per aiutare Google che gli utenti, infine potete includere le LSI keywords, cioè Latent Semantic Index, cioè chiavi semanticamente correlate alla keyword principale (le potete trovare qui). Yoast vi sarà utile, impostando la chiave di ricerca per cui volete ottimizzare la pagina.

Ottimizzare i meta-data

Usando Yoast SEO possiamo ottimizzare lo snippet, cliccando sulla barra apposita. Possiamo iniziare modificando il titolo SEO, da tenere sui 65 caratteri. Quindi andrà modificato l’URL slug, idealmente con la parola chiave e tenendolo molto semplice. Cambiamo quindi la meta-description che comparirà nella SERP, tenendoci sotto i 230 caratteri e con un testo accattivante. Qualcosa di più lungo verrebbe tagliato da Google, oppure sostituito dal motore di ricerca.

Ottimizzare le immagini

Il passo successivo è ottimizzare le immagini, rinominando il file dal proprio computer. Cercate di mantenervi in target e inserendo parole chiave solo se rilevanti ai fini del contenuto. Poi da WordPress, modificate il tag ALT descrittivo, sempre con la stessa regola per le parole chiave.

Ottimizzare i link

L’ultimo passo dell’ottimizzazione on-page è quello dei link, che vanno inseriti nella pagina. È utile avere due ordini di collegamenti:

  • Link interni, per rimandare a pagine rilevanti e connesse al tema all’interno dello stesso sito;
  • Link esterni, per rimandare ad altri domini autorevoli e di buona qualità.

Questi passaggi rapidi illustrano brevemente come ottimizzare i contenuti on-page in ottica SEO. Una presenza on-line è sempre più importante per le aziende e questi appunti, in assenza della guida di un professionista, potranno aiutarvi a muovere i primi passi nel mondo della SEO.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Consulenza WordPress

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *