Funnel Marketing: cos’è, come funziona e come applicarlo per guadagnare

Funnel marketing
Condividi il post
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Tabella dei Contenuti

Il web è diventato uno strumento fondamentale per ogni tipo di azienda: nel corso degli anni sono state sviluppate tante strategie per riuscire a sfruttare al massimo il canale telematico e le sue enormi potenzialità. Tra i tanti approcci che possono essere applicati c’è anche il Funnel Marketing: un modello di questo tipo, se applicato nel modo corretto, è in grado di attirare solo ci clienti che sono davvero interessati all’azienda o al suo prodotto e, di conseguenza, massimizzare le conversioni. Ma come funziona questo marketing ad imbuto? Scopriamo di cosa si tratta e cerchiamo di capire come può essere applicato per raggiungere maggiori guadagni.

Cos’è il Funnel Marketing: gli obiettivi di azienda e consumatore

Tutte le aziende hanno un obiettivo: vendere. Che sia un servizio, un prodotto o semplicemente un brand, lo scopo finale dell’attività è quello di vendere. Per riuscirci è necessario avere un target di riferimento, che va individuato ed analizzato. Una volta delineato il profilo del proprio cliente ideale è possibile creare e mettere in campo delle strategie di marketing per creare delle relazioni con lui. Ma anche il cliente ha un obiettivo, e per raggiungerlo deve seguire un suo percorso. Le tappe sono sempre le stesse: si inizia con il riconoscimento di un problema e la necessità di risolverlo; il passo successivo è rappresentato dalla ricerca di informazioni, seguito dalla valutazione delle varie alternative individuate; in base all’opzione scelta, il cliente decide di acquistare il prodotto che ritiene più giusto per risolvere il problema individuato nel primo step. Infine c’è il comportamento successivo all’acquisto: se l’azienda a cui si è rivolto si è comportata bene, il cliente sarà soddisfatto e si mostrerà fedele, magari condividendo la sua esperienza positiva anche con altre persone, diventandone in pratica un fan ed un testimonial.

Il Funnel Marketing è un modello che permette di seguire ed analizzare l’intero percorso seguito dal cliente nel suo processo di acquisto. Ma perché si parla di marketing ad imbuto? Il consumatore, quando è alla ricerca di una soluzione per il suo problema, deve fare una sorta di scrematura per arrivare a scegliere il prodotto che lui ritiene più adatto; questo significa che tra i tante persone che hanno quel problema, solo pochi di loro sceglieranno quel determinato prodotto e diventeranno clienti. L’obiettivo di una buona strategia di marketing è quella di aumentare il numero di persone che attraversano completamente l’imbuto, intercettando quindi solo i clienti che sono davvero interessati.

Le fasi dell’imbuto

L’imbuto del Funnel Marketing solitamente è composto da quattro (o cinque, come vedremo) fasi principali:

  1. Consapevolezza (o awarebess); rappresenta il momento in cui il consumatore viene a sapere dell’esistenza di un prodotto, di un servizio o di una marca. Siamo della parte più alta e larga dell’imbuto: qui si misura l’efficacia della pubblicità;
  2. Interesse (o interest); è la fase in cui il consumatore, dopo aver saputo dell’esistenza el prodotto, inizia ad interessarsene e a cercare informazioni;
  3. Considerazione (o consideration); il consumatore valuta e confronta le possibili soluzioni al suo problema; in questa fase inizia a farsi un’idea chiara sul prodotto o servizio da acquistare o sul brand a cui affidarsi;
  4. Acquisto (o purchase); sia il consumatore che l’azienda raggiungono il loro obiettivo: il primo risolve il suo problema, la seconda effettua una vendita.

Ci sarebbe poi una quinta fase, che è importante quasi quanto l’acquisto: si tratta della Fedeltà (o loyalty). Se il prodotto ha soddisfatto le sue esigenze e se l’azienda si è comportata bene con lui (assistenza, disponibilità, competenza, cortesia…), il consumatore si trasforma in cliente, nel senso che in futuro potrà nuovamente acquistare dalla stessa azienda e anche farne una buona pubblicità alle altre persone.

Le strategie di Funnel Marketing

Conoscere le tappe percorse dal consumatore che entra ed esce dall’imbuto e che lo portano ad essere da persona sconosciuta a visitatore, poi a potenziale cliente, cliente ed infine a testimonial, è fondamentale. Per riuscire a guadagnare è però necessario riuscire a mettere in pratica delle strategie efficaci per ogni fase. Innanzi tutto bisogna cercare di fare in modo che il proprio brand acquisti notorietà, o per lo meno che il brand possa essere trovato dalle persone che hanno un determinato bisogno. L’obiettivo in questa fase è riuscire ad attirare i cosiddetti lead, ovvero i potenziali clienti, persone che potrebbero essere interessanti al brand, ai suoi prodotti o ai suoi servizi. Non si tratta di una cosa semplice, quindi bisogna essere bravi a sfruttare al meglio i vari strumenti disponibili sul web: i social network, il blog aziendale, il video marketing e le campagne pubblicitarie sono i mezzi più usati, ma ci sono anche altre strade percorribili.

Si parla dei cosiddetti lead magnet, ovvero quei piccoli benefici gratuiti che vengono concessi al potenziale cliente in modo tale che possa essere convinto a compiere un’azione (come ad esempio compilare un form). Il caso più rappresentativo di questa strategia è rappresentato dall’ebook scaricabile gratuitamente se si lascia il proprio indirizzo email; rientra in questa casistica anche la landing page, che deve essere realizzata in modo tale da risultare chiara, precisa ed accattivante; un altro esempio è rappresentato dall’offerta di una prova gratuita, che potrebbe invogliare il consumatore a fare l’acquisto dopo averlo testato e valutato. Sono tutti opzioni valide che permettono di creare un collegamento diretto con una persona interessata, con la quale si può intraprendere una comunicazione mirata. Puoi approfondire l’argomento a traverso la nostra agenzia di comunicazione con sede a Lecce, dove un nostro consulente esperto di marketing sarà lieto di consigliarti la strategia più adatta alle tue esigenze.

Una volta catturata l’attenzione dei potenziali clienti, l’obiettivo diventa quello di portarli verso la conversione. Ma come si fa? Anche qui bisogna studiare con molta attenzione la strategia da adottare: molto dipende anche dal tipo di azienda, dal tipo d prodotto o servizio che si intende vendere, dal tipo di percorso che ha seguito il consumatore per arrivare fino a questo punto. Se le cose vanno bene, si arriva alla vendita. L’obiettivo principale è stato raggiunto, ma il lavoro non è affatto finito: il rapporto che si è venuto a creare con il nuovo cliente deve essere conservato, rafforzato e magari migliorato nel tempo. Ovviamente tutto parte da un buon servizio di assistenza post vendita, ma si possono offrire anche vantaggi extra, sconti specifici e altri benefit.

Funnel Marketing: esempio

Per concludere, per far capire meglio come funziona il Funnel Marketing facciamo un piccolo esempio. Un utente decide di iniziare a fare passeggiate in montagna, quindi scopre di aver bisogno di un buon paio di calzature da trekking. Va su Google ed effettua una ricerca, individuando e visitando alcuni siti che vendono quel tipo di scarpe. Nei giorni successivi, navigando sul web si imbatte “casualmente” nella pubblicità di uno di quei siti; c’è un’offerta speciale per chi clicca su quel banner: l’utente era alla ricerca proprio di quel prodotto e quel sito era già stato adocchiato, ma con quell’offerta prende seriamente in considerazione l’acquisto. Quindi clicca sul banner che lo riporta nel sito, si iscrive mettendo i suoi dati, effettua l’ordine e paga.

Pochi giorni dopo riceve le sue scarpe da trekking; poco tempo dopo l’azienda invia una email per chiedere se il prodotto ha soddisfatto le aspettative e magari chiede di lasciare un commento o una recensione. Dopo qualche tempo (settimane, forse mesi) l’azienda contatta nuovamente il cliente: ormai sa che è un appassionato di trekking, quindi gli propone un’offerta speciale per un modello di scarpe migliore, oppure per qualche altro accessorio per praticare al meglio quella disciplina (zaino, abbigliamento tecnico, cappelli e così via). In questa breve storia c’è tutto il percorso del cliente(consapevolezza, interesse, considerazione, acquisto, fedeltà) e tutte le strategie di Funnel Marketing messe in pratica dall’azienda per dare maggiore visibilità al suo brand, catturare l’attenzione del consumatore, trasformarlo in cliente e fidelizzarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro da esplorare
Iscriviti alla nostra Newsletter

Ricevi aggiornamenti e impara dai migliori