Come calcolare il tasso di conversione

Calcolare il tasso di conversione
Tabella dei Contenuti
Condividi il post
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Quando si esamina la gestione del ritorno sull’investimento (ROI) o delle prestazioni di un sito Web, l’impostazione degli obiettivi di conversione è uno dei modi più semplici e migliori per misurare i risultati. È possibile impostare semplici obiettivi di conversione utilizzando uno strumento come Google Analytics . Una “conversione” può essere misurata ogni volta che un visitatore del sito web esegue un’azione sul tuo sito web.

Lo scopo di impostare una conversione

Lo scopo dell’impostazione di una conversione è monitorare eventi o soglie univoci che stabiliscono un punto di riferimento per le prestazioni del tuo sito web. Idealmente, queste conversioni dovrebbero essere una misura del rendimento dei tuoi profitti. Ad esempio, se un sito web ha avuto 100 conversioni a marzo, il webmaster o l’addetto al marketing si aspetterebbero di avere più di 100 conversioni ad aprile.

Se in qualsiasi momento vedi che le conversioni iniziano a diminuire, è un fattore scatenante che potrebbe esserci qualcosa di sbagliato nel messaggio del sito Web, nella navigabilità, nell’esperienza dell’utente o in fattori di influenza esterni come un calo del marketing o un calo delle classifiche dei motori di ricerca . 

Identificatori di conversione

Una “conversione” può essere identificata da una serie di elementi diversi in base a ciò che è importante per ogni team di marketing o webmaster. Tutto dipende dagli obiettivi specifici del sito web. Una conversione può includere eventi, come un visitatore che compila un modulo di acquisizione dei lead, un acquisto o una metrica come quando il tempo di un visitatore sul sito raggiunge un certo numero di minuti o un visitatore visualizza un certo numero di pagine.

Oppure, un sito web che vende abbigliamento femminile probabilmente misurerebbe i suoi principali punti di conversione come vendite o il numero di volte in cui una persona ha effettuato il check-out. Impostando un obiettivo di conversione per contare ogni volta che una persona raggiunge l’URL della pagina di pagamento, i professionisti del marketing possono monitorare il volume complessivo delle vendite mese per mese o anno dopo anno per garantire una crescita costante.

Analisi delle conversioni come strumento di marketing

Ciò offre anche ai professionisti del marketing l’opportunità di guardare indietro al lotto di conversioni e seguire la canalizzazione al contrario. Gli esperti di marketing possono vedere come le persone che hanno effettuato la conversione hanno raggiunto l’URL finale che mostrava di aver effettuato una vendita. Ciò dà loro la possibilità di determinare quali vie di marketing stanno guidando il maggior numero di conversioni o vendite e consente loro di investire più fondi dietro ciò che funziona e di ridurre le campagne che non funzionano.

È inoltre possibile aggiungere un tag al pixel di conversione per tenere traccia dell’importo di ogni vendita. Ad esempio, una conversione, o vendita, può essere misurata a € 30 o € 3.000. Taggando le conversioni per mostrare l’importo effettivo, fornisce agli esperti di marketing maggiori informazioni su quali visitatori stanno effettuando acquisti di grandi volumi e quale fosse il comportamento del loro sito e la fonte di riferimento prima di effettuare un acquisto di grandi dimensioni. Se un sito Web non è incentrato sulle vendite, ad esempio il sito Web di un famoso blogger o un sito di notizie, le conversioni sono comunque essenziali per confrontare i risultati. 

Ad esempio, un blogger o un sito di notizie può impostare le conversioni per sapere quante persone hanno visualizzato su quattro pagine del proprio sito Web o hanno trascorso più di cinque minuti sul sito, un segno di coinvolgimento che possono condividere con potenziali inserzionisti. Nel complesso, è possibile impostare una conversione per misurare quasi tutti gli obiettivi o obiettivi di marketing . Spetta al marketer garantire gli obiettivi di conversione come parte olistica di un piano di marketing digitale.

Esempio di tasso di conversione

Se questo è il tuo primo progetto sull’ottimizzazione delle conversioni, le formule potrebbero sembrare un po’ scoraggianti. Tuttavia, è utile iniziare con l’equazione del tasso di conversione di base che è:

Tasso di conversione = il numero totale di conversioni/numero totale di sessioni.

Ad esempio, se in un mese il tuo sito raggiunge un totale di 100.000 sessioni e registra un totale di 10.000 ordini, il tuo tasso di conversione è:

10.000/100.000 = 10 percento

Diamo un’occhiata a un esempio di vendita al dettaglio. L’azienda “Mario Rossi”, specializzata nella vendita di prodotti nel suo negozio fisico, vuole lanciare una campagna online. Il negozio guadagna €75 di profitto per ogni unità venduta. Vediamo come la società Mario Rossi ha ottenuto un utile netto di € 60.000.

Nella pianificazione della campagna, il team di marketing fa le seguenti ipotesi:

  • Il team guiderà 100.000 visitatori alla pagina di destinazione.
  • Il tasso di conversione della pagina di destinazione stimato è dell’1%.

I numeri iniziali della campagna sono i seguenti:

Numero di ordini = Numero di visitatori x Tasso di conversione

Numero di ordini = 100.000 x 1 percento = 1.000 ordini

Profitto lordo = 1.000 x € 75 = € 75.000

Costo della campagna = € 15.000

Utile netto = € 60.000

Impostare un tasso di conversione per il tuo sito

Vuoi iniziare selezionando gli strumenti di raccolta dati di ottimizzazione delle conversioni preferiti e installandoli sul tuo sito web.

Ci sono molti strumenti di analisi là fuori e dovrai decidere quali ti piacciono. Il minimo di ciò di cui hai bisogno in questa fase è:

  • Uno strumento di analisi utente di base come Google Analytics
  • Uno strumento di analisi delle conversioni come KISSMetrics o Mixpanel
  • Software di interazione con l’utente (ad es. mappe di calore) come CrazyEgg

Dopo averli installati, prenditi una piccola pausa e lasciali funzionare per alcuni giorni per raccogliere dati. Avere troppi dati è un problema molto migliore che avere dati insufficienti. È meglio iniziare con un piccolo extra e togliere gli strumenti se si decide che sono ridondanti o non necessari in futuro.

Analizzare la tua pagina

Non puoi semplicemente lasciare che le cose siano. Devi tenere traccia del piano che hai implementato. Inizia guardando la pagina che hai impostato in tutti i tuoi strumenti individuali. Dai tuoi strumenti di analisi degli utenti, presta particolare attenzione a metriche come:

  • Tempo medio sulla pagina
  • Frequenza di rimbalzo (hard e soft)
  • Tasso di conversione (in qualunque fase della canalizzazione ti trovi)

Esamina ciascuna di queste metriche perché non tutte le conversioni vengono create allo stesso modo. Ad esempio, potresti vedere che ottieni un tasso di iscrizione e-mail inferiore dai visitatori dei motori di ricerca, ma in seguito acquistano di più da te. Il tuo obiettivo è identificare le conversioni di maggior valore e ottimizzarle.

Scrivi un commento

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Assistenza per wordpress
Assistenza WordPress attiva H24
Consulenza seo
Prima consulenza SEO gratuita
Post Popolari:
Cosa è una parola chiave
Seo
Cosa è una parola chiave

In generale, le parole chiave vengono utilizzate per descrivere il contenuto di un’opera d’arte o di un documento in diverse aree come arte e cultura, media o industria.

Leggi tutto »
URL cosa sono
Dominio e hosting
URL cosa sono?

Un URL (Uniform Resource Locator) è un indirizzo impostato per individuare una risorsa univoca su Internet, come un file o un’app.

Leggi tutto »
Struttura del sito web
Seo
Struttura del sito web

La struttura del sito Web, denominata anche architettura del sito, si riferisce a come le pagine di un sito e il suo contenuto sono strutturati in relazione ad altri contenuti nella pagina e tra le pagine.

Leggi tutto »
Usabilità del sito web
Seo
Usabilità del sito web

Il termine usabilità descrive quanto sia facile utilizzare in pratica un sito web. Criteri come la chiarezza del design, la facilità d’uso e l’accessibilità svolgono un ruolo importante a tal fine.

Leggi tutto »
Cosa sono i plugin
Plugin e Temi
Cosa sono i plugin?

Un plug-in è un componente aggiuntivo del software che aggiunge funzionalità specifiche a un browser Web, CMS o altri programmi. 

Leggi tutto »
Snippet in primo piano su Google
Seo
Snippet in primo piano su Google

Gli snippet in primo piano sono risultati di ricerca visualizzati sopra i risultati organici di Google e sotto gli annunci a pagamento, uno spot denominato “posizione zero”.

Leggi tutto »
Carlo Alberto Bello

Sono Carlo Alberto Bello, consulente SEO italiano con sede a Lecce dal 2012. Aiuto aziende e professionisti a promuovere i loro prodotti e servizi su Google, Bing e altri motori di ricerca. Ho un'esperienza rilevante nella consulenza seo e Link Building.