Come aumentare il traffico verso il tuo blog

consigli blog
Tabella dei Contenuti
Condividi il post
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter

Aumentare il traffico verso il tuo blog non basta, ma è necessario anche incrementare il tempo di permanenza degli utenti sul proprio sito web. Questo vuol dire ridurre l’eventuale frequenza di rimbalzo, che porta gli utenti ad abbandonare il sito,  strutturando contenuti interessanti e ad-hoc.

Non si tratta di un’operazione semplice, ma grazie ad alcuni consigli si potrà aumentare il traffico verso il proprio blog per soddisfare gli obiettivi di marketing che ci si è prefissati.

Contenuti realizzati in ottica SEO

La maggior parte delle attività che vengono svolte su Internet è la ricerca di informazioni. Quando si desidera acquistare qualcosa, o semplicemente soddisfare un bisogno, il primo passo è affidarsi a un motore di ricerca per trovare le informazioni giuste.


Ecco perché, per aumentare il traffico verso il tuo blog non si può prescindere dalla realizzazione di contenuti di qualità e inerenti alle ricerche effettuate dagli utenti. Infatti, i motori di ricerca “premiano” i contenuti ottimizzati secondo le loro logiche e i siti che propongo informazioni realmente utili per gli utenti.

Quindi, oltre a una specifica ricerca di parole chiave inerenti al proprio business, è importante anche considerare altri elementi, come il file robots.txt, i permalink e la meta description che aiutano a ottimizzare il proprio blog.

Condividere informazioni sui social network

I social network, ormai diventati strumenti di utilizzo quotidiano, sono un valido aiuto per promuovere il proprio business e aumentare il traffico verso il tuo blog. Infatti, anche i principali motori di ricerca, come Google e Bing, valutano la presenza di profili social per indicizzare i contenuti nelle loro SERP (Search Result Engine Page).

Facebook, Twitter e Instagram ad esempio, sono solo alcuni social da tenere in considerazione per promuovere i post del proprio blog. Per far si che ciò avvenga in maniera efficiente è importante che ogni pagina sia ricca di informazioni dettagliate, come foto, immagini e descrizioni.

Condividere ogni tanto in modo casuale non basta, ma la costanza premia sicuramente: ecco perché, se si vuole aumentare il traffico verso il tuo blog devi pubblicare dei post con cadenza costante, magari individuando anche l’orario più consono per quel contenuto.

Affidarsi a testimonial e influencer può essere un’ottimo modo per aumentare la visibilità dei propri post, ma anche optare per strategie di guest blogging e comment marketing può dare ottimi risultati in questo senso.

Analizzare le metriche di Google Analytics

Per aumentare il traffico verso il tuo blog è importante avere ben chiaro cosa cercano gli utenti e cosa si aspettano di trovare. Per fortuna, però, gli strumenti di Google Analytics permettono di conoscere il profilo dei visitatori, la loro provenienza, la lingua parlata e quali pagine vengono visualizzate.

In questo modo, ad esempio, si possono avere indicazioni anche sui comportamenti degli utenti, se ad esempio visitano solo una pagina o se spaziano tra più risorse del blog.

Individuare i punti deboli e i punti di forza è un ottimo aiuto per strutturare una strategia ad hoc per aumentare il traffico per il tuo blog.

Creare contenuti virali

Creare contenuti di qualità e attrattivi, che magari vengono condivisi dagli utenti, è sicuramente utile per incrementare i visitatori verso il proprio blog. Ci sono ottimi tool che permettono di individuare le chiavi di ricerca migliori.

BuzzSumo, un plug in per individuare i contenuti migliori

Alcuni plug-in, ad esempio, danno la possibilità di evidenziare i tipi di contenuti maggiormente richiesti dagli utenti on-line, come tutorial, video o foto.

In questo modo si ha un’indicazione utile per strutturare al meglio i propri contenuti e aumentare le visite del blog.

Pubblicizzare i contenuti per ottenere più visite

Sicuramente la strategia migliore per aumentare il traffico per il tuo blog è quella di puntare al lungo termine, a patto comunque di produrre contenuti davvero significativi per i propri utenti.

Creare una campagna pubblicitaria con Google Adwords o Facebook è un ottimo modo per pubblicizzare i propri post e raccogliere qualche visita in più.

Su Google Adwords, ad esempio, si potrà puntare su un’inserzione che compaia in cima ai risultati delle SERP. In questo caso, bisogna scegliere delle parole chiave e il Pay–per-click (PPC), ovvero il pagamento per click, è una soluzione che permette di tenere sott’occhio il budget. Su Facebook, invece, si possono promuovere contenuti sponsorizzati che saranno visibili nel feed degli utenti. Molto utile la possibilità di individuare il target scegliendo età, sesso, località e altri parametri.

Tags

Scrivi un commento

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Assistenza per wordpress
Post Popolari:
Carlo Alberto Bello

La mia passione per WordPress mi ha portato negli ultimi 10 anni a voler aiutare sempre più persone a creare blog e siti web in WordPress in completa autonomia. Spero troverai utili le oltre 200 guide WordPress e sulla SEO che ho pubblicato su questo blog. Sono disponibile a fornire una prima consulenza SEO GRATUITA, consigliandoti una strategia seo per posizionare il tuo sito WordPress tra i primi su Google.